Misano. Notte rosa, carabinieri: 2 persone arrestate e 6 denunciate

 

 

Dalle ore 17.00 del 6 luglio 2018, alle ore 08.00 di oggi, nella giurisdizione dipendente da questo Comando, nel corso di un articolato servizio di controllo del territorio finalizzato al contrasto dei reati contro il patrimonio, in materia di sostanze stupefacenti, alla prevenzione in tema di sicurezza stradale (c.d. “fenomeno delle stragi del sabato sera”), appositamente predisposto in concomitanza dell’ evento denominato la notte rosa, militari dipendenti  traevano in arresto, in Riccione:

–          E. B. B., 20 enne pregiudicato marocchino, residente nel bolognese poiche’ ritenuto responsabile del reato di lesioni personali. Nella circostanza, una pattuglia del dipendente NOR – Sezione Radiomobile, su richiesta della locale centrale operativa, si portava in questo viale Dante ove – a seguito di una lite insorta per futili motivi con il prevenuto – N.E.M., 27 enne marocchino residente in provincia di Siena, era stato attinto al costato con fendenti inferti con un coltello prelavato dall’indagato dall’interno di un esercizio commerciale posto nelle vicinanze. I militari, immediatamente giunti sul posto, riuscivano prontamente a rintracciare e bloccare l’aggressore che nel frattempo si era allontanato e rifugiato all’interno del giardino di un hotel ubicato nelle vie limitrofe. Accompagnato in caserma, inoltre, E B. veniva trovato in possesso di gr. 1,67 di sostanza stupefacente del tipo “hashish” e pertanto segnalato alla competente Autorita’ Amministrativa quale assuntore. La vittima dell’aggressione si trova tuttora presso il pronto soccorso dell’ospedale civile di Rimini per le cure del caso, non in pericolo di vita.

–          N.L., 36 enne pregiudicato tunisino, ivi residente, domiciliato a Reggio Emilia poiche’ ritenuto responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. Nella circostanza, una pattuglia della locale Stazione Carabinieri, in questo viale del centro, procedeva al controllo dell’autovettura condotta da E. S., 29 enne marocchino, ove l’indagato – trasportato – veniva trovato in possesso di gr. 5,35 di sostanza stupefacente del tipo “cocaina” suddivisa in nr. 10 dosi pronte allo spaccio.

Indagavano in stato di liberta’:

–        G.P., 49 enne, residente a Misano Adriatico  poiche’ ritenuta responsabile di furto aggravato. Nella circostanza, l’indagata veniva sorpresa dai militari della Tenenza di Cattolica mentre cercava di allontanarsi dall’interno di un supermercato di quel centro dove aveva asportato varie confezione di generi alimentari – abilmente occultate indosso – recuperate e restituite all’avente diritto. 

–          B.P., 33 enne, pregiudicato residente nella provincia di Salerno poiche’ ritenuto responsabile dei reati di resistenza a Pubblico Ufficiale e altro. Nella circostanza, una pattuglia della Stazione Carabinieri di Misano Adriatico interveniva in quel centro abitato ove, attraverso il numero di emergenza “112”, era stata segnalata una lite in famiglia. Nel corso degli accertamenti, l’indagato – in evidente stato di ubriachezza, apostrofando i militari con frasi offensive – ometteva di declinargli le proprie generalità impedendo poi loro – posizionandosi davanti al mezzo militare al termine dell’intervento – di allontanarsi.

–          B. O., 19 enne ucraino, residente nel milanese, poiche’ ritenuto responsabile di furto aggravato. Nella circostanza, in questo centro, i Carabinieri del dipendente NOR – Sez. Radiomobile, controllavano prevenuto, in evidente stato di ubriachezza, trovandolo in possesso di alcuni cartelli della segnaletica stradale, prelevati nelle vicinanze.

Deferiti inoltre all’A.G., tre utenti della strada poiché sorpresi alla guida dell’auto in stato di ebrezza alcolica (art. 186 comma 2 lett.b);

Sono state controllate  su strada in tutta la giurisdizione di questo comando 115 auto/motoveicoli e identificati 175 individui.