Agcom e privacy, eletti i componenti. Ma alla Camera i renziani si astengono

L’aula del Senato ha eletto Agostino Ghiglia (con 123 voti) e Pasquale Stanzione (con 121 preferenze) quali componenti del Collegio del Garante per la protezione dei dati personali e Laura Auria (con 123 voti) e Elisa Giomi (con 110 preferenze) quali componenti dell’Autorità per le Garanzie nelle comunicazioni (Agcom). Alla Camera, invece, sono stati eletti all’Agcom Antonello Giacomelli (211 voti) ed Enrico Mandelli (202), alla Privacy Guido Scorza (237 voti) e Ginevra Cerrina Feroni (209).

Ma anche sulle nomine la maggioranza si spacca. A mettersi di traverso sono i renziani: «Come segnale di dissenso sia nel merito che nel metodo, Italia Viva non ha ritenuto opportuno partecipare al voto per l’elezione i componenti della Authority per le Comunicazioni e per il Garante della Privacy», dice Silvia Fregolent, deputata di Italia Viva. «’I motivi della mancata partecipazione al voto – spiega – sono stati sia di metodo che di merito. La nostra decisione è stata dettata dall’atteggiamento degli altri partiti della maggioranza che, invece di confrontarsi sulle questioni da noi sollevate, hanno scelto la strada di un accordo blindato. In più, tra i candidati della maggioranza non figurava nemmeno una donna».

Il presidente dell’Autorità garante delle comunicazioni verrà invece nominato con decreto del presidente della Repubblica su proposta del presidente del Consiglio. In pole position, ci sarebbe Giacomo La Sorella, attuale vice segretario generale della Camera, anche se è sempre forte il nome di Roberto Chieppa, segretario generale di Palazzo Chigi.



Fonte originale: Leggi ora la fonte