Ancora scontro Salvini-De Luca: “Mi dà del maiale, pensi ai rifiuti”

Continua il duro botta e risposta fra il leader della Lega Matteo Salvini ed il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, divenuto negli ultimi tempi una vera e propria star dei social network grazie alle sue provocatorie uscite.

Con l’avvicinarsi delle elezioni del nuovo governatore, gli strali del presidente campano nei confronti dell’ex vicepremier si sono fatti via via più frequenti ed intensi.

Proprio in questi giorni, parlando in una delle sue oramai celebri dirette Facebook, il governatore aveva definito Salvini un somaro:“Daremo, senza fretta, una risposta congrua a un somaro geneticamente puro”. Nel corso di uno dei suoi attacchi, era stata addirittura tirata in ballo anche Elisa Isoardi, ex compagna del leader del Carroccio. Il governatore della Campania aveva poi rincarato la dose, paragonando la faccia di Salvini ad un “fondoschiena usurato”, fino ad arrivare a dargli del maiale, come dichiarato dallo stesso ex ministro dell’Interno.

Fino ad oggi Salvini ha tentato di soprassedere, commentando solo alcune uscite di De Luca, da lui definito un “poveretto”, ma in queste ultime ore la tensione ha cominciato a salire. A pesare, oltre agli insulti, anche una delle ultime dichiarazioni del governatore alla stampa: “In Campania non succederà mai quello che è successo in Lombardia dove gli anziani erano per terra perché non c’era un buco in cui recuperarli”, aveva infatti affermato davanti ai microfoni, come riportato da “Repubblica”. “C’è un esponente politico che lavora per ‘portare seccia’ affinché ci sia una nuova epidemia ma noi lavoriamo per evitarla”.

“De Luca? Passa le giornale a insultarmi”, ha commentato ieri Matteo Salvini nel corso di un incontro con gli elettori a Santa Croce Sull’Arno (Pisa), dove si trovava insieme alla candidata alle regionali Susanna Ceccardi. “Oggi se non erro mi ha dato del maiale, ho perso il conto degli insulti. Credo sia indegno da parte di un governatore continuare su questa strada. Aveva promesso di togliere rifiuti tossici e ancora ci sono e non ha mosso un dito”, ha aggiunto, attaccando il presidente della Regione.

Il discorso è stato poi ripreso anche oggi. “Il governatore che perde tempo a insultare la Lega e a lanciare slogan sui lanciafiamme anti-assembramenti dovrebbe spiegare come mai non riesce a risolvere neppure il problema di Mondragone, provincia di Caserta, dove i cittadini italiani sono esasperati perché chiusi in casa per motivi sanitari mentre alcuni immigrati violano le regole come se nulla fosse”, ha dichiarato il segretario della Lega, come riportato da “NapoliToday”. “Dal caos rifiuti ai troppi ospedali chiusi, dalle ordinanze contro le pizze a casa al flop dei controlli, dagli insulti al sottoscritto agli accordi con i Mastella e i De Mita: i campani si meritano un governatore serio e non un battutista”, ha concluso.



Fonte originale: Leggi ora la fonte