Attacco hacker di proporzioni mondiali: colpita la centrale di Chernobyl. Attenzione alta anche in Italia

Dopo Russia e Ucraina un attacco hacker sta colpendo società in tutto il mondo, anche la centrale di Chernobyl dove sono interessati i sistemi di monitoraggio dell’aria ma senza preoccupazione.

Lo scrive la Bbc online, precisando che anche l’agenzia pubblicitaria britannica Wpp risulta tra le società colpite così come la francese Saint Gobin. E l’Associated Press cita tra queste anche il colosso dei trasporti marittimi Moller-Maersk. “Un attacco hacker senza precedenti ha colpito l’Ucraina ma i nostri specialisti informatici fanno il loro lavoro e proteggono le infrastrutture cruciali. I sistemi vitali non sono stati danneggiati, l’attacco verrà respinto e i responsabili saranno individuati”. Così su Facebook il premier ucraino Volodomyr Groysman.

Il sito della Rosneft, colosso petrolifero russo, è irraggiungibile e nella metropolitana di Kiev non si possono effettuare pagamenti elettronici ma il sistema dei trasporti funziona. Nell’aeroporto di Borispil, in Ucraina, si registrano ritardi ai voli. In Russia, oltre a Bashneft e Rosneft, anche Mars e Nivea sono coinvolte.

Il virus responsabile – secondo la società di cyber sicurezza Group-IB – sarebbe ‘Petya’ e non ‘WannaCry’. E’ un ransomware, cioè quella tipologia di virus che cifrano i dati con finalità di estorsione, perchè per rientrare in possesso dei propri dati viene chiesto un riscatto agli utenti. La sua particolarità è quella di bloccare non solo singoli file ma l’intero hard disk del computer, cioè la memoria che archivia file, programmi e sistemi operativi. Secondo Symantec, sarebbe stato ‘armato’ con EternalBlue, lo stesso codice usato per WannaCry e rubato all’Nsa. Attenzione altra in tutta Europa, Italia compresa.