Bologna. “CASO SAN VITO”, MONTEVECCHI (LEGA ER): “BONACCINI PRENDA POSIZIONE E CHIEDA DI PERMETTERE SPOSTAMENTI A FAMILIARI TRA PROVINCE LIMITROFE”

BOLOGNA, 11 DIC – “Bonaccini, in qualità di presidente della Conferenza Stato-Regioni prenda posizione e chieda al Governo di permettere spostamenti  dei familiari tra province limitrofe durante le festività natalizie per evitare casi come quello che riguarda la frazione di San Vito, divisa fra tre comuni e due province”. Lo chiede il consigliere regionale della Lega ER, Matteo Montevecchi, lanciando un appello al presidente della Regione Stefano Bonaccini.
“Sembra che il Governo finalmente abbia capito che si sarebbe trattato di un errore madornale impedire in modo categorico di spostarsi tra un comune e un altro a Natale, Santo Stefano e a Capodanno. Sarebbe stata una misura poco logica e molto “antifamilista”, in quanto a rimetterci sarebbero state soprattutto le famiglie che hanno il sacrosanto diritto di trascorrere il Natale assieme – sottolinea Montevecchi -. In attesa del provvedimento governativo, purtroppo, allo stesso tempo pare che non ci sia ancora l’intenzione di consentire gli spostamenti ai familiari tra province limitrofe durante le festività natalizie. Questo problema si pone per frazioni come San Vito, che si estende su tre comuni (Rimini, Santarcangelo e San Mauro) e due province (Rimini e Forlì-Cesena). Lo dico da sanvitese, ma si tratta di un disagio che riguarda in generale i familiari che risiedono in province diverse, ma limitrofe, talvolta separati solo da qualche decina o centinaia di metri. La norma attuale impedisce loro di ricongiungersi e celebrare le feste insieme ai propri cari”.
“Penso e spero che il Presidente Bonaccini possa raccogliere questo appello e prendere posizione in merito, chiedendo al Governo italiano di consentire gli spostamenti sotto le feste anche tra le province limitrofe, per venire incontro almeno alle esigenze delle famiglie ed evitare casi come quello che riguarda la frazione di San Vito” conclude il consigliere regionale del Carroccio.

Lascia un commento