Campane rumorose, 4mila euro di multa al parroco: attacco alla religione cattolica

Multa di 2000 euro con contestuale richiesta di pagare le spese sostenute, di oltre 1800 euro, più Iva, perché la campane della chiesa di San Pietro e Paolo di Majano il suono delle campane supera la soglia di legge dei 60 decibel. Lo sgradito verbale arriva al parroco, don Emmanuel Runditse, che grida alla congiura: “E’ un attacco alla fede”. Allora tutte le campane d’Italia dovrebbero smettere di suonare, perdendo una tradizione di secoli e secoli? Per qualcuno, i soliti buonisti, forse sì.