Camurri, “arriva la prova di maturità per tutti noi”

Edoardo Camurri, torinese di di nascita, romano d’adozione, giornalista, scrittore, saggista, editorialista per varie testate, conduttore radiofonico e televisivo, è uno che non conosce la parola arrendevolezza. Da quello che si è già visto con il suo bel programma #maestri su Rai3 (dal lunedì al venerdì alle 15.20), in cui mette insieme personaggi della cultura e divulgatori accademici, perché la scuola non si può fermare, ha dimostrato insieme alla Rai – che ci ha creduto per prima insieme al Miur che ci ha messo il timbro – che tiene davvero tanto agli studenti. “Io per primo lo sono stato”.

E dal 13 maggio su Rai Storia parte “Prove di maturità”, “un titolo – spiega lo scrittore e autore in una conversazione con l’ANSA – che è una sintesi tra quella che devono affrontare i nostri ragazzi e la grande prova che stiamo affrontando tutti noi, perché quella che che ci ha messo di fronte il Covid-19 e la più grande prova di maturità per l’uomo, bisogna solo attendere e vedere se siamo stati in grado di superarla”. Il programma sarà in onda il mercoledì alle 21.10 “per una decina di puntate al momento, sicuramente andremo avanti fino all’inizio delle prove di esame. In ognuna – racconta Camurri – accompagneremo uno o due studenti, collegati in remoto dalla loro abitazione, a effettuare delle vere e proprie simulazioni d’esame. Ognuno dei ragazzi costruirà un percorso tra le parole simbolo del Novecento, spaziando dalle materie umanistiche a quelle scientifiche, in uno sforzo di sintesi interdisciplinare. Il lavoro dei ragazzi sarà integrato da considerazioni di grandi umanisti e scienziati, che abbiamo di volta in volta coinvolto per dare suggerimenti o per giudicare passaggi magari troppo arditi o troppo semplicistici dei maturandi. Ci tengo a dire che lo studente non fa un esame, altrimenti lo farebbe due volte, ma viene accompagnato in questa sorta di palestra”.

Chiarisce Camurri: “In ogni puntata due importanti intellettuali italiani costruiranno un percorso attorno alle parole e mostreranno allo studente presente in trasmissione, e a quelli a casa, le connessioni, gli intrecci e i collegamenti tra materie diverse. Alcune delle parole saranno: Famiglia a Totalitarismo, Inconscio, Globalizzazione, Maschera, Intelligenza artificiale, Cibo. Nella prima puntata, la parola scelta è Famiglia. Si parte dall’affermazione che nel Novecento questa struttura cardine della società umana è cambiata più che nel corso del millennio precedente”. Sempre domani a simulare l’esame più importante per ogni studente saranno la scrittrice Melania Mazzucco (Premio Strega 2003) e l’antropologo Marino Niola. Il primo degli studenti sarà Raffaele Cagnazzo del liceo classico Tito Livio di Martina Franca. Le materie oggetto dell’esame sono state Storia, Letteratura italiana e Scienze, e le due lezioni si sono svolte sull’analisi delle tipologie della famiglia italiana nel Novecento e sui romanzi a tema famigliare della nostra letteratura. Come sono stati scelti gli studenti? “Ovviamente su base volontaria, rappresentativi di ogni regione italiana e indirizzo scolastico”.

Certo questi giovani maturandi hanno perso molto quest’anno, oltre alle lezioni. “E’ vero la notte prima degli esami è qualcosa che rimane indelebile in ognuno di noi, ma anche loro – sottolinea Camurri – avranno modo di sentirsi con le nuove tecnologie e poi saranno i pionieri di qualcosa di unico. Noi cerchiamo di dare loro una mano, possono anche rivedersi su RaiPlay. Gli ascolti di #maestri e di tutti i programmi di Rai Scuola vanno bene, vengono rilasciati anche attraverso i social, vuol dire che apprezzano e a qualcosa sono serviti”. A proposito di #maestri, la discriminazione di genere e i rischi legati al riscaldamento globale, temi del nostro tempo, saranno affrontati dalla professoressa Eva Cantarella e dal meteorologo Luca Mercalli nella puntata in onda domani alle 15.20 su Rai3, nell’ambito dell’accordo Rai – Ministero dell’Istruzione per #lascuolanonsiferma. Eva Cantarella – docente universitaria di Diritto romano e di Diritto greco – si sofferma sulla nascita della discriminazione verso il mondo femminile e sul lento cammino verso la parità. Un cammino ancora pieno di difficoltà, come testimonia la tragedia dei femminicidi. Luca Mercalli, accademico e meteorologo, analizza – invece – i cambiamenti climatici e il riscaldamento globale. Anche “Prova di maturità” è un programma realizzato nell’ambito dell’accordo Rai – Miur per #lascuolanonsiferma.


Fonte originale: Leggi ora la fonte