Cattolica. 11 locali chiusi e i gestori si ribellano

Sono ben undici i locali chiusi in provincia dalla questura in due mesi in base all’articolo 100 del Tulps, il testo unico delle leggi di pubblica sicurezza. Così gli associati al Silb, il sindacato dei locali pubblici, minacciano di lasciare la riviera riminese. Sotto la lente i locali chiusi in pieno agosto con conseguente danno economico. Eppure i provvedimenti sono stati presi nei confronti di chi è stato beccato a vendere alcol a minori o con spacciatori in pista e chi più ne ha, più ne metta. Non solo: il pugno duro era già stato annuncuato a maggio durante gli incontri fra questura e gestori dei locali notturni. La situazione è poi precipitata durante i noti fatti nella notte rosa.