Cattolica. 18enne stuprata nei bagni della stazione

Dopo due giorni di sgomento incapace di raccontarlo una 18enne ha confessato: “Sono stata violentata”. L’agghiacciante racconto è quello di una ragazza arrivata in Italia come richiedente asilo. La giovane come accertato dai sanitari, è stata stuprata con una violenza inaudita. In Italia sta seguendo a Cattolica un tirocinio di avviamento al lavoro presso un negozio della zona: qui ha conosciuto un africano che si rivelerà il suo carnefice. Da lì il primo appuntamento, alla stazione per recarsi da qualche parte e passare una bella serata. Invece la scusa: “Mi indichi dove sono i bagni?”. La 18enne glieli ha indicati e lui la ha trascinata all’ interno stuprandola. Distrutta ha fatto ritorno in comunità, senza rivelare a nessuno l’accaduto. Ora è caccia all’uomo.