Cattolica. Bando lungomare Rasi-Spinelli, piattaforma innovativa per candidarsi

Uffici comunali al lavoro anche in questo periodo. Risposte ad oltre 50 quesiti dei professionisti. Da ieri possibile iscriversi online sullo spazio dell’Ordine degli architetti di Bologna, generate le “chiavi informatiche” per l’anonimato. C’è tempo sino al 27 maggio per inviare la documentazione. Il Dirigente Gaddi: “L’anonimato consente di selezionare il miglior prodotto progettuale possibile e non soltanto il miglior studio di progettazione. Sfruttare l’innovazione tecnologica per la procedura concorsuale”

CATTOLICA 06 Maggio 2020 – Continuano le tappe del bando per il progetto del nuovo lungomare Rasi-Spinelli di Cattolica. Dopo la sospensione dei termini per l’emergenza sanitaria nazionale e le conseguenti restrizioni alla mobilità, è ripreso nei giorni scorsi il percorso per “progettazione a due fasi”. Ieri mattina, in particolare, si è svolto un passaggio tecnico ma fondamentale per lo svolgimento del concorso. Si è generata, infatti, la cosiddetta “chiave pubblica di crittazione” che consentirà il totale anonimato ai partecipanti sino a conclusione del bando. La creazione di della “chiave” infatti assegnerà un codice ad ogni domanda che verrà presentata attraverso la piattaforma messa a disposizione dall’Ordine degli architetti di Bologna. Questo passaggio si svolge in seduta pubblica e per la volta, in tali tipi di bandi, è stato possibile seguirlo in streaming attraverso il canale YouTube del Comune di Cattolica. Da ieri, quindi, si è dato il via alle iscrizioni ed al contestuale possibile invio degli elaborati e della documentazione amministrativa. C’è tempo per presentare il proprio lavoro entro le ore 12.00 del prossimo 27 Maggio. Seguirà da giugno la seconda fase per la raccolta dei progetti definitivi con la proclamazione della graduatoria provvisoria attesa per fine agosto.

“L’anonimato previsto dalla progettazione a due fasi, nel rispetto delle regole dell’anonimato e delle norme vigenti in materia, consentirà – spiega il Dirigente Baldino Gaddi – di andare a selezionare il miglior prodotto progettuale possibile e non soltanto il miglior studio di progettazione. Nonostante il periodo di sospensione per l’emergenza sanitaria, gli uffici comunali hanno continuato a lavorare. Si è provveduto a rispondere ad oltre 50 quesiti pervenuti da numerosi professionisti. Queste richieste dimostrano la serietà dei partecipanti nel proporre soluzioni fattibili e coerenti con l’attuale stato di fatto del waterfront cattolichino. In questo periodo, inoltre, ci siamo abituati a padroneggiare nuove tecnologie ed sfruttare anche le innovazioni in materia di procedura concorsuale. Adesso grazie alla piattaforma dell’Ordine bolognese degli architetti chi avviamo a proseguire spediti nelle tappe di questo percorso”

Grazie al secondo posto provinciale nella graduatoria stilata dalla Regione, per l’intervento al waterfront cattolichino sono stati concessi 3,3 milioni di euro. Per l’intera riqualificazione e rifunzionalizzazione turistico-balneare del lungomare Rasi-Spinelli è previsto un investimento che si aggira intorno ai 4,5 milioni di euro, con una compartecipazione del Comune pari al 25%, mentre il rimanente 75% è posto a carico della Regione. L’intervento coinvolgerà i Giardini de Amicis, dove è già in programma un intervento alle vasche di laminazione a carico di Hera, e si svilupperà per tutto il tratto del lungomare Rasi Spinelli coinvolgendo la sopraelevata pedonale che conduce all’area portuale, che sarà interessata da un importante intervento di restyling estetico e funzionale.

Il procedimento, tutta la documentazione e gli aggiornamenti sono visionabili al link:

https://www.concorsiarchibo.eu/waterfrontcattolica/home