Cattolica. Case popolari, giro di vite per i furbetti

Dopo il caso eclatante della donna che viveva in una casa popolare ma aveva oltre 500mila euro sul conto è arrivato finalmente un giro di vite sui furbetti che denunciano redditi da fame per avere una casa grati ma invece stanno bene, eccome. E in effetti fopo verifiche e controlli incrociati, da Rimini fatto partire il procedimento di decadenza per le case popolari per 26 famiglie. Incredibile. I nuclei familiari assegnatari sono distinti in fasce: una fascia di protezione con valore Isee massimo di 7.500 euro; una fascia di accesso con Isee tra i 7.500 e 17.154 euro; una fascia di permanenza in possesso di valore Isee da 17.154 a 24.016 euro. Il giro di vite a quanto pare seguirà in tutti i Comuni per aiutare finalmente chi he ha bisogno. Attenzione perché non viene solo tolta la casa ma in alcuni casi scatta il penale per frode ai danni dello Stato.