Cattolica. Droga: tre arresti. C’è anche cattolochino

AVVIO DELLA STAGIONE ESTIVA. INTENSIFICAZIONE DEI CONTROLLI DA PARTE DELLA COMPAGNIA DI RICCIONE (RN): TRE ARRESTI

                              ____________________________________________________________________

Anche nella giornata del 19 giugno 2018, in Cattolica, sotto le direttive del Comando della Compagnia Carabinieri di Riccione – guidata dal Capitano Marco Califano – sono proseguiti i servizi di controllo degli uomini del Tenente Antonino Miserendino all’ interno “parco della pacecorrente in quella via Francesca da Rimini,  già avviati lo scorso 17 giugno, e finalizzati, in specie,  al contrasto dei reati in tema di contrasto al degrado urbano nonché in materia di sostanze stupefacenti. Nello specifico, nella giornata appena trascorsa, venivano tratti in arresto:

–          B. G., 30 enne pregiudicato nato a Roma ma residente a Cattolica, poiché– a seguito di perquisizione personale – veniva trovato in possesso di due dosi eroina – pronte allo spaccio – per complessivi gr. 0,6; due fiale ed una compressa di metadone, un coltello a serramanico, una cartuccia calibro 7,65, nonché della somma di euro 50, ritenuta il provento di illecita attività di spaccio;

–         A. S., 26 enne clandestino senegalese, in Italia senza fissa dimora, clandestino, poiché nel corso della fasi di identificazione forniva false generalità.

 

“Restituire intere aree della città – ed in specie luoghi pubblici come parchi, ville ed altri siti di aggregazione – alla serena e sicura fruizione della popolazione, costituisce un dovere primario, oltreché una indifferibile priorità ai quali,  con la nostra quotidiana azione, cercheremo di rispondere tempestivamente sia su Cattolica che negli altri centri della provincia ove insistono nostri comandi. Puntiamo, come sempre, anche in questo caso, molto sulla collaborazione del cittadino, che, anche nel caso del “parco della pace”, ci aveva fatto pervenire numerose segnalazioni, poi prontamente valorizzate dagli uomini della Tenenza”, questo il Commento del Comandante della Compagnia di Riccione, in una nota ufficiale dei militari del Comando di  Viale Sirtori. 

 

Sempre nella giornata di ieri, inoltre, i militari della Compagnia di Riccione e nello specifico quelli di stanza a Montescudo-Montecolombo hanno tratto in arresto M.G. – un 55enne originario di Bergamo, ma da tempo residente nel piccolo centro riminese – in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa in data 18 giu 2018 dal gip del tribunale di Rimini, che lo ha ritenuto indiziato di aver compiuto ripetuti maltrattamenti e percosse nei confronti della moglie convivente, una riccionese sua coetanea. L’indagato, in particolare, avrebbe dato corso a ripetuti atti di violenza fino al momento in cui la donna fortunatamente si decideva a denunciarlo presso il locale Comando dell’Arma, che avviava le indagini di competenza. Per l’uomo sono così scattate le manette e si sono aperte le porte della Casa Circondariale di Rimini.