Cattolica. Furbetti degli affitti in nero: sarà tolleranza zero

Diversi lettori ci hanno ringraziato per l’articolo di ieri: beccato un gestore di un residence del Riminese, un sessantenne della zona, che è incappato nei controlli predisposti dagli uomini della Guardia di Finanza. Affitti in nero a prostitute che pagavano in contanti: ha tirato su oltre 600mila euro, divisi in reddito non dichiarati per oltre 315mila euro, 21mila euro di Iva dovuta e base imponibile Irap sottratta per oltre 294mila euro. Altri tre proprietari di appartamenti, tra Rimini e Cattolica, sono stati scoperti, a loro volta, non in regola con i contratti di locazione. A quanto pare infatti sarebbero in parecchi quei furbetti che preferiscono affittare in nero. E non parliamo di prostitute: a quanto ci dicono spesso si tratta di giovani e studenti. In ogni caso l’attività della Gdf prosegue e i controlli saranno capillari. Sono tutti avvertiti.