Cattolica. Furto in supermercato: due arresti

Notte di controlli intensi per i militari della Compagnia di Riccione.

Sotto lente, come di consueto, tutti i principali quadranti di interesse della giurisdizione (che ricomprende tutta la fascia meridionale della provincia di Rimini) affidata ai militari guidati dal Capitano Marco Califano.

Gli uomini dell’Arma, in particolare, hanno vigilato in maniera discreta e attenta sia le vie centrali di Riccione, Cattolica e Misano, ove maggiore è stata l’affluenza da parte di turisti e residenti.

Massima attenzione con numerosi controlli, inoltre, anche nelle aree periferiche sia sul litorale costiero (in particolare nella zona Marano, dove gli uomini dell’Arma, a bordo della nuova Jeep Wrangler, hanno vigilato garantendo una notte tranquilla unitamente alle ulteriori, numerose pattuglie in area, in occasione della riapertura dei locali in precedenza chiusi per 15 gg su ordinanza di PS).

Non sono mancati, infine, anche i servizi nell’entroterra, organizzati con lo scopo di salvaguardare, dalla commissione di reati, fasce del territorio che in occasione del fine settimana rimangono di fatto meno densamente popolate, con il riversarsi di turisti e residenti lungo il litorale.

Fra gli importanti risultati conseguiti in poche ore:

–       per furto aggravato:

Ø  G.D., 24enne da Montignoso (MS), coniugata, nullafacente, nomade;

Ø  V.S., 20enne da Saronno (VA), coniugata, nullafacente, nomade.

Le predette, unitamente ad altra complice – quest’ultima deferita in stato di libertà – all’interno di un supermercato di questo centro, asportavano dagli espositori varie bottiglie di liquore che venivano celate all’interno delle proprie borse. Al termine dell’azione delittuosa, le malfattrici riuscivano ad allontanarsi dall’esercizio venendo tuttavia prontamente individuate da un dipendente del supermercato che, avvedutosi del furto, si poneva al loro inseguimento. I militari della locale stazione, da ultimo, in transito in area, bloccavano le indagate recuperando la refurtiva che veniva restituita legittimo proprietario.