Cattolica. IMPORTANTE – Coronavirus: le risposte alle domande più frequenti

FAQ

Covid19 – aggiornamento 8 marzo – Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri

FAQ sulle disposizioni previste dall’ordinanza del Ministero della salute 

  • Fino a quando sono attive le norme inserite? Fino al 3 aprile  compreso
  • Dove vengono applicate le norme del DPCM 8 marzo?  Nella regione Lombardia e nelle province di Province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio nell’Emilia, Rimini; Pesaro e Urbino;Alessandria  Asti, Novara, Verbano-Cusio- Ossola, Vercelli, Padova; Treviso e Venezia,  vedi   ART. 1, e sull’intero territorio nazionale vedi Art. 2

Il decreto divide l’Emilia-Romagna in DUE ZONE:

– una per la quale sono previste misure più restrittive a causa della maggiore diffusione del virus, comprende le province di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena e Rimini

– il resto del territorio regionale: Bologna, Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena. L’ordinanza regionale estende anche alle 4 province di Bologna, Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena alcune ulteriori limitazioni, valide in tutto il territorio regionale. Su tutte, la sospensione dell’attività di palestre, centri sportivi, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali (fatta eccezione per l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza), centri culturali, centri sociali, centri ricreativi, centri diurni. Leggi l’ordinanza regionale http://bit.ly/covidOrdinanzaRegionale8marzo

 

  • Di cosa si tratta? Sono misure precauzionali pubbliche e indicazioni di comportamento di igiene e comportamenti personali, utili come misure di prevenzione della diffusione del Coronavirus.

PER LA PROVINCIA DI RIMINI:

  • Posso rientrare al mio domicilio? Sì, è consentito
  • Cosa rischia chi non si attiene a queste misure? Il mancato rispetto delle misure introdotte dal Governo e dalla Regione Emilia – Romagna per contenere l’emergenza coronavirus costituisce reato (art. 650 del codice penale e art. 3 e 4 del decreto-legge 23/2/2020 n. 6).
  • A Rimini sono attivi i servizi pubblici? Si, tutti i servizi pubblici sono garantiti
  • I bar e i ristoranti sono aperti? Consentite le attività di ristorazione  dalle 6 alle 18
  • Le farmacie sono aperte? Sì, farmacie e parafarmacie
  • I negozi alimentari? Sì, ma devono contingentare le entrate per evitare sovraffollamenti 
  • E il pronto soccorso? Tutti i servizi di pronto soccorso e di pronto intervento di Rimini e della Romagna sono garantiti e normalmente attivi.
  • Ci sono modifiche per il trasporto pubblico? Metromare, autobus e i trasporti pubblici funzionano come sempre. L’ordinanza prevede che ogni giorno ci sia una disinfezione approfondita dei mezzi, un obbligo esteso anche ai treni regionali e di tutto il trasporto pubblico locale.
  • Sono aperte le scuole, le università i servizi educativi? Fino  al 3 aprile  sono sospesi tutti i servizi educativi dell’infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado, nonché della frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, corsi professionali, master, corsi per le professioni sanitarie e università per anziani.
  • Le gite scolastiche i viaggi di istruzione? La  sospensione fino al 3 aprile dei viaggi d’istruzione, delle iniziative di scambio o gemellaggio, delle visite guidate e delle uscite didattiche;
  • Al rientro a scuola servirà il certificato medico? Sì,  fino al 3 april e, servirà la presentazione del certificato medico per la riammissione nelle scuole di ogni ordine e grado per assenze dovute a malattia infettiva
  • Sono aperte le biblioteche?  No, sono chiuse
  • Palestre e centri sportivi possono restare aperti? No, sono chiusi, così come scuole di ballo, corsi etc.. il moto è consentito negli spazi aperti mantenendo le distanze di sicurezza.
  • Centri sociali? Sono chiusi
  • Centri Anziani? Sono chiusi
  • Posso andare a trovare un parente/amico in ospedale? L’accesso dei visitatori alle aree di degenza verrà  limitato da parte delle direzioni sanitarie ospedaliere;
  • Vedo che i supermercati sono stati presi d’assalto… Ma stanno per chiudere i negozi? Tutte le attività commerciali (negozi, supermercati, ecc) sono aperti e funzionanti, così come i pubblici esercizi (ristoranti, bar) in determinati orari previsti dal decreto. Tutte le attività e gli esercizi sono chiamati a rispettare in maniera puntuale le misure igieniche prescritte nell’ordinanza ministeriale.
  • I mercati settimanali si faranno? Sì, i mercati settimanali (mercoledì e sabato a Rimini) programmati si svolgeranno regolarmente, mentre sono sospesi gli altri mercati straordinari.
  • Eventi, cinema e teatri sono chiusi? Il decreto conferma la sospensione di tutte le manifestazioni organizzate, di carattere non ordinario, nonché degli eventi in luogo pubblico o privato, compresi quelli di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi ma aperti al pubblico, quali, a titolo d’esempio, grandi eventi, cinema, teatri, discoteche, cerimonie religiose..
  • Riaprono i luoghi di culto? Si  prevede l’apertura dei luoghi di culto condizionata all’adozione di misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone, e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza tra loro di almeno un metro.
  • Sono sospese le attività inerenti alla Cultura? Sì, sono chiusi musei e mostre
  • Sono sospese le attività sportive? Sono sospesi eventi e competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati. Resta consentito lo svolgimento di tali eventi e competizioni, nonché delle sedute di allenamento, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse.
  • Sono sospesi i concorsi pubblici ? Sì, sono sospese le procedure concorsuali pubbliche e private ad esclusione dei casi in cui venga effettuata la valutazione dei candidati esclusivamente su basi curriculari e/o in maniera telematica. Sono esclusi i concorsi per il personale sanitario, ivi compresi gli esami di Stato e di abilitazione all’esercizio della professione di medico chirurgo, e di quelli per il personale della Protezione civile.
  • Parrucchiere, servizi estetici possono stare aperti?  Nell’esercizio delle attività classificate con i codici ateco: 96.02.01 (Servizi di saloni di barbiere e parrucchiere); 96.02.02 (Servizi di istituti di bellezza) 96.02.03 (Servizi di manicure e pedicure) 96.09.02 (attività di Tatuaggio e piercing) gli addetti impegnati nel servizio a contatto con i clienti devono, a far data dal 10 marzo 2020 e fino al 3 aprile 2020, indossare una mascherina e guanti monouso, lavarsi le mani fra un cliente e l’altro con gel idroalcolico e pulire le superfici con soluzioni a base di alcol o cloro.

SPOSTAMENTI

Il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, ha adottato la direttiva ai Prefetti per l’attuazione dei controlli nelle aree del Paese interessate dalle misure più restrittive, a partire dalla limitazione degli spostamenti, fra le quali le cinque province emiliano-romagnole di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena e Rimini. Leggi la direttiva: http://bit.ly/direttivaspostamenti

Gli spostamenti potranno avvenire solo se motivati da esigenze lavorative o situazioni di necessità o per motivi di salute da attestare mediante autodichiarazione.  Porta con te l’autodichiarazione , scarica e compila  il MODULO: http://bit.ly/autodichiarazioneCV

Ci sono dei controlli? Sì, i controlli sul rispetto delle limitazioni della mobilità avverranno lungo le linee di comunicazione e le grandi infrastrutture del sistema dei trasporti.

Il trasporto ferroviario come è organizzato?  Per quanto concerne il trasporto ferroviario, la Polizia ferroviaria curerà, con la collaborazione del personale delle ferrovie dello Stato, delle autorità sanitarie e della Protezione civile, la canalizzazione dei passeggeri in entrata e in uscita dalle stazioni al fine di consentire le verifiche speditive sullo stato di salute dei viaggiatori anche attraverso apparecchi “termoscan”. Inoltre, saranno attuati controlli sui viaggiatori acquisendo le autodichiarazioni,

 

Coronavirus: tutto quello che c’è da sapere: http://bit.ly/INFOCoronaVirus2020

FAQ – Regione Emilia Romagna http://bit.ly/FAQSitoER