Cattolica. Mancato rispetto misure anti coronavirus: 6 denunciati nella Regina

AL VIA I CONTROLLI PER ACCERTARE IL RISPETTO DELLE MISURE ANTI COVID-19

SEI DENUNCIATI A CATTOLICA

 

Nella serata di ieri sono partiti stringenti controlli sul territorio da parte dei Carabinieri della Compagnia di Riccione, finalizzati a verificare il rispetto delle disposizioni contenute nel D.P.C.M. 08 marzo 2020 tese al contrasto della diffusione del COVID-19.

Confidando nel buon senso della popolazione, i militari hanno avviato le operazioni di verifica del traffico in ingresso ed in uscita oltre che del rispetto degli orari di chiusura degli esercizi pubblici individuati nel dispositivo.

A cattolica, in particolare, i carabinieri hanno deferito il titolare di una palestra per non aver ottemperato all’obbligo di chiusura del centro sportivo. Nello stesso contesto sono state denunciate ulteriori 5 persone per il reato di inosservanza delle disposizioni dell’Autorità, ai sensi dell’art. 650 c.p.. Tutti clienti della predetta palestra e non residenti nel comune di Cattolica, incuranti della disposizione di non allontanarsi dai comuni di residenza se non in presenza di indifferibili motivi lavorativi e/o sanitari.

Si ribadisce che le persone controllate sulla pubblica via dovranno esibire documentazione comprovante l’esigenza di spostamento e, in caso di assenza di detta documentazione, dovranno sottoscrivere autocertificazione veritiera delle ragioni del proprio spostamento.

Si rammenta, inoltre, che le autocertificazioni in parola non sono da intendersi quali titoli autorizzativi a circolare e pertanto non verranno rilasciate preventivamente da alcuna autorità. Il cittadino, in caso di controllo, salvo quanto ribadito in precedenza, sarà chiamato a produrre in loco l’autocertificazione.