Cattolica. Non si ferma la gara di solidarietà per Teresa: c’è bisogno dell’aiuto di tutti

Non si ferma la gara di solidarietà per Teresa, la bambina di cinque anni scomparsa lo scorso luglio a Cattolica per le conseguenze di una peritonite. Dopo la tragedia, i genitori affidatari avevano lanciato una commovente raccolta fondi a favore del reparto di Terapia intensiva neonatale dell’ospedale Infermi di Rimini, dove la piccola era stata ricoverata d’urgenza e acquistare un macchinario medico. La colletta, grazie alla generosità di tantissimi residenti della Valconca e non solo fa ora sì che si possa acquistare persino una incubatrice dotata di ‘isola neonatale’. Ma i genitori di Teresa  – per i quali non ci sono aggettivi di ammirazione per la loro forza – non si fermano e hanno deciso di organizzare una nuova sottoscrizione: “Potremo pagare gli accessori utili al funzionamento del macchinario”. Servono circa 5/6mila euro. La raccolta fondi è promossa con l’associazione La Prima Coccola, fondata dai genitori dei bambini salvati grazie alla Terapia intensiva neonatale. Iban per i versamenti: IT54C085786775000030111975 presso BCC di Gradara.