Cattolica. Ondata di furti, prende sempre più corpo l’idea dei vigilantes

Proprio in questi giorni i commercianti del centro stanno discutendo la possibilità di attivare un servizio di vigilanza privato per prevenire nuove incursioni. La proposta al momento è ancora al vaglio degli operatori economici cattolichini. Arriva in questo particolare contesto la notizia che nella nottata del 30 gennaio 2018,  in Cattolica, ignoti, previa forzatura della porta d’ ingresso, accedevano all’ interno di uno studio medico, ubicato in Piazza Della Repubblica, asportando attrezzature mediche, per un valore complessivo di poche migliaia di euro. Sul posto sono intervenuti – per i sopralluoghi di rito – i militari della Tenenza di Cattolica (foto) che nel rilevato alcune similitudini con alcuni colpi avvenuti nelle scorse settimane li hanno immediatamente condivisi con i loro colleghi della Compagnia di Riccione, reparto che nelle scorse settimane ha decapitato in appena dieci giorni due bande di autori di furto con centinaia di colpi nelle province di Rimini, Pesaro-Urbino, Ancona e Modena.  Dagli investigatori trapela ottimismo circa una prossima individuazione degli autori anche di questi ultimi colpi. Nelle more, inoltre, il Comandante della Compagnia di Riccione, Capitano Marco Califano – d’intesa con l’Arma Provinciale guidata dal Ten. Col. Giuseppe Sportelli – ha disposto per i prossimi giorni un ulteriore incremento delle pattuglie sul territorio della “Regina”, luogo ove massima è l’attenzione dell’Arma come hanno dimostrato negli scorsi giorni gli esiti di due attività di contrasto che hanno portato i militari della locale Tenenza ad arrestare 2 persone (uno per truffa e l’altro per spaccio di sostanze stupefacenti) e a deferirne altri 4 per reati contro il patrimonio.