Cattolica. Piomba in casa della vicina: “Ho microchip nel cervello”

Una donna si è vista piombare in casa il vicino, un 30enne albanese peraltro agli arresti domiciliari, completamente ubriaco. I carabinieri intervenuti hanno hanno evitato guai peggiori. L’uomo riacquistata in parte la lucidità, ha cercato di giustificarsidando la colpa del suo comportamento a un microchip impiantato nel cervello.