Cattolica. Sicurezza: l’impegno delle forze dell’ordine ha pagato

A Cattolica fuori da un pubblico esercizio è stato richiesto l’intervento di personale delle forze dell’ordine per una violenta lite tra più persone; gli accertamenti hanno permesso di stabilire che il motivo del contendere era da ricondurre nel presunto diniego dell’utilizzo dei servizi igienici, ragion per cui le persone coinvolte, 4 per l’esattezza, sono venute alle mani, finendo tutte al pronto soccorso dell’ospedale di Riccione per le escoriazioni riportate; per tutti loro prognosi variabili tra i 3 ed i 7 giorni.

Sotto il profilo degli eccessi dovuti ad abuso di sostanze alcooliche o proibite non si registrano particolari criticità; gli ingressi ai Pronto Soccorso degli Ospedali di Rimini, Riccione e Santarcangelo sono stati per tale motivazione rispettivamente 17, 2 e 2. Gli unici feriti da artifizi pirotecnici si sono registrati presso l’Ospedale di Santarcangelo, dove è stato trasportato verso le 00,40 un 21enne nato a Rimini che lamentava ustioni alla mano causate da un fumogeno e presso l’Ospedale di Riccione per un minorenne che a Saludecio poco dopo mezzanotte è stato raggiunto ad un braccio da un fuoco d’artificio partito da un vicino esercizio pubblico. Per i due giovani le prognosi sono rispettivamente di 15 e 10 giorni.

Nell’ambito dei servizi di controllo del territorio predisposti dall’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura, si segnala l’intervento effettuato da due pattuglie poco dopo mezzanotte in via Pontebba a Rimini, per un lite familiare tra due coniugi; agli agenti la donna ha dichiarato che l’odierna controversia, per la quale è stato richiesto l’intervento del 118 per le contusioni che entrambi hanno dichiarato avere riportato, non è la prima fra i due ed è per questo motivo che i poliziotti intervenuti hanno attivato il protocollo “EVA”, che cristallizza l’accaduto in appositi atti, consultabili e conoscibili preventivamente da parte degli agenti in caso di una futura necessità di ulteriori interventi nel medesimo contesto familiare.