Champions, Napoli si sveglia tardi: contro il Manchester City finisce 2-1

È sufficiente mezz’ora di calcio spettacolo al Manchester City per aver ragione del Napoli. Finisce 2-1 la partita dell’Etihad Stadium, con la squadra di Guardiola vittoriosa grazie alle reti di Sterling e Gabriel Jesus, tutte realizzate nel primo tempo. Grande delusione, invece, per la squadra di Sarri a cui non basta il rigore di Diawara per agguantare il pari, con il grande rammarico di aver fallito un altro penalty con Dries Mertens.

TROPPO CITY – Partono meglio i ‘citizens’, che imbrigliano il Napoli con il solito possesso palla e trovano subito il vantaggio con Sterling, il più lesto a insaccare in rete dopo un cross velenoso di David Silva bucato dalla difesa azzurra. Neanche il tempo di riflettere sull’errore commesso e pochi minuti dopo arriva anche il raddoppio del City, stavolta con Gabriel Jesus, bravo a finalizzare a pochi passi dalla linea di porta un assist di De Bruyne, con Albiol in ritardo nella marcatura, per un 2-0 che testimonia la superiorità della squadra di casa.

MALE MERTENS – Napoli in balia degli avversari e che rischia di subire anche il tris prima su un tiro di De Bruyne, fermato dalla traversa, e poi ancora con Gabriel Jesus, la cui conclusione è fermata miracolosamente sulla linea di porta da Koulibaly. Dopo una mezz’ora incolore la squadra di Sarri si sveglia, e al minuto 36? ha l’occasione giusta per accorciare: Walker cintura Albiol in area, l’arbitro Lahoz dà rigore agli azzurri, ma Mertens si fa ipnotizzare da Ederson dal dischetto, sprecando la grande chance per riaprire il match e risultato che resta di 2-0 fino al termine del primo tempo.

DIAWARA FREDDO – Nella seconda frazione il Napoli sembra più in palla, ma al minuto 57? deve rinunciare subito a una pedina importante come Lorenzo Insigne, costretto a uscire per un sospetto stiramento, lasciando il posto ad Allan. Pochi minuti dopo gli azzurri vanno vicinissimi al gol con Hamsik, che a porta vuota si fa murare da Stones con un tiro a botta sicura, dopo una bella palla recuperata proprio da Allan. Poi al minuto 73? la svolta: altro calcio di rigore assegnato al Napoli per fallo di Fernandinho su Ghoulam e stavolta dal dischetto va Diawara, che piazza la palla nell’angolino e non sbaglia. Ora gli azzurri ci credono, tentano il forcing sul finale di gara, ma neanche la girandola delle sostituzioni favorisce la rimonta, con il risultato che resta di 2-1 fino al fischio finale dell’arbitro Lahoz.

QUALIFICAZIONE IN SALITA – Con questa vittoria il City tiene la vetta del girone F con 9 punti, mentre il Napoli è fermo a quota 3 ed è terzo in classifica, superato dagli ucraini dello Shakhtar Donetsk che volano a 6 punti grazie al 2-1 conquistato in Olanda col Feyenoord, un risultato che mette gli azzurri in una situazione complicata in ottica qualificazione agli ottavi: ora la squadra di Sarri dovrà fare necessariamente punti nella sfida del San Paolo col City e soprattutto in quella successiva con lo Shakhtar, sfida da dentro o fuori per il prosieguo della competizione. Libero quotidiano