Code e disagi in Liguria, Toti si ribella: “Via all’azione per il risarcimento danni”

Lo aveva annunciato quando aveva intuito che il caos sulle autostrade avrebbe paralizzato la Liguria a oltranza, compromettendo economia e turismo. Dopo aver presentato un esposto in Procura ora il governatore Giovanni Toti avvia anche una causa civile contro Autostrade per l’Italia e Ministero delle Infrastrutture che con il piano concordato di messa in sicurezza delle gallerie hanno bloccato l’intera circolazione: «Non saremo vittime sacrificali», dice Toti.

Sulla rete ci sono fino a venti chilometri di coda, e anche ieri due ore tra Savona e Genova, con le auto incolonnate anche di notte. La situazione intorno al nodo del capoluogo ligure è insostenibile da settimane, nonostante la ministra Paola De Micheli avesse assicurato che entro il 10 luglio i disagi si sarebbero ridotti grazie alla riapertura di due corsie per senso di marcia. Il presidente, che aveva tentato inutilmente con un’ordinanza di correre ai ripari, ora vuole chiedere i danni, insieme con i comuni e le categorie economiche: «Abbiamo deciso di avviare formalmente l’azione civile di risarcimento. Nonostante la gazzarra stucchevole e nociva e gli annunci a mezzo stampa da parte del governo quello passato è stato un altro weekend molto difficile sulle autostrade liguri e si preannunciano altri tre giorni complessi – accusa Toti – Nonostante le rassicurazioni anche formali date dal ministero, oggi rileviamo che le ispezioni (nelle gallerie, ndr) finiranno il 15 o il 16. E da queste, discenderà un nuovo piano di lavori che potrebbe protrarsi per l’intero mese di luglio e non si sa bene quanto di più». La richiesta danni non sarà «un percorso breve né facile – dice il governatore – non avremmo voluto arrivare a questo punto, mi spiace. È nostra intenzione coinvolgere in questa richiesta le altre istituzioni del territorio. Io ho chiesto di portare questa proposta di azione congiunta al vaglio degli organismi dirigenti delle Camere di Commercio e di Anci Liguria. Oltre che a essere danneggiati, non ci stiamo a essere anche beffati». È già stata presentata dalla Regione una richiesta di accesso agli atti sia al ministero che ad Autostrade: un passaggio preliminare «per conoscere nel dettaglio ciò che non conosciamo: il piano di ispezioni, quali esami e articolati di analisi siano stati proposti sui flussi di traffico o come siano stati considerati i danni che sarebbero stati provocati». Ministero e concessionaria avranno «30 giorni di tempo per rispondere – spiega il consulente legale della Regione, Lorenzo Cuocolo – l’azione davanti al giudice civile si perfezionerà entro settembre. La regione ha bisogno di vedere le carte per individuare responsabilità e tipologie di danni perché è stata tenuta all’oscuro di quanto sta accadendo». La richiesta di risarcimento contempla «due grandi categorie di danno: quello per gli enti territoriali, conseguente alla riorganizzazione di molti servizi e ai mancati introiti in termini di addizionali, e quelli di immagine». Dal ministero delle Infrastrutture intanto arrivano rassicurazioni: «Le verifiche sulle gallerie saranno completate nei prossimi giorni fa sapere il Mit Già dal prossimo fine settimana dovrebbe essere garantita una maggiore fluidità del traffico. Per le gallerie ricomprese nel percorso critico, proseguono senza interruzione i lavori per i quali, fatto salvo circostanze straordinarie, è prevista l’ultimazione entro il 15 luglio».



Fonte originale: Leggi ora la fonte