Colson Whitehead vince il secondo Pulitzer per la narrativa

Colson Whitehead vince, nel 2020, il secondo Premio Pulitzer per la narrativa con il romanzo ‘I ragazzi della Nickel’ (Mondadori). Lo scrittore americano era già stato premiato con il Pulitzer nel 2017 con ‘La ferrovia sotterranea’ (Sur) a cui era stato assegnato anche il National Book Award.

Whitehead, 50 anni, nato a New York, è così uno dei quattro autori che in tutta la storia del premio hanno vinto due volte il Pulitzer dopo Booth Tarkington, William Faulkner e John Updike. In occasione dell’uscita americana de ‘I ragazzi della Nickel’ nel 2019 il ‘Time’ aveva dedicato la copertina a Whitehead con il titolo: “Colson Whitehead è uno dei più grandi scrittori americani viventi”.

Il romanzo è ambientato nei primi anni Sessanta, in Florida, e fa luce, ancora una volta, su un angolo buio della storia americana. Il movimento per i diritti civili sta prendendo piede anche a Frenchtown, il quartiere afroamericano della capitale, ed Elwood Curtis, un ragazzino cresciuto dalla nonna, si forma sugli insegnamenti di Martin Luther King. Il suo grande sogno è frequentare il college e iniziare la sua nuova vita, ma proprio il primo giorno di scuola accetta un passaggio su un’auto rubata. Pur non c’entrando nulla con il furto, Elwood viene spedito alla Nickel Academy, una scuola-riformatorio per soli maschi la cui missione è trasformare il piccolo delinquente in “un uomo rispettabile e onesto”. Questo sulla carta. Perché nei fatti la Nickel Academy è un vero e proprio viaggio all’inferno.


Fonte originale: Leggi ora la fonte