Concertone, emozioni anche senza piazza

– ROMA, 02 MAG – Emozionante, struggente, nostalgico. Il
Concertone del Primo Maggio, in un’inedita versione solo
televisiva, ha rimandato una fotografia malinconica, ma quanto
mai forte, dell’Italia in tempo di pandemia.
    Gianna Nannini sui tetti di Milano che si stringe in un
abbraccio solitario al tramonto, Lo Stato Sociale in una piazza
Maggiore desolata, Irene Grandi nel cuore di una Firenze
irriconoscibile nel silenzio irreale delle sue strade
abbandonate dai turisti. Sono le immagini che hanno colpito
dritte al cuore. E su tutte il saluto di Ambra, commossa e con
il groppo in gola, da piazza San Giovanni a Roma senza palco e
senza pubblico, perché il filo si è indebolito ma non si è
strappato “e tutti abbiamo voglia di ripartire”.
    Sembra appartenere a un’altra epoca il ricordo del bagno di
folla, dei cori sotto il palco, degli abbracci stretti durante
la canzone del cuore: eppure il Concertone, promosso come sempre
dai sindacati (che quest’anno hanno scelto per la giornata il
titolo “Il lavoro in Sicurezza: per Costruire il Futuro”) non ha
voluto cedere. Si è trasformato, ha cambiato pelle ed è
diventato un vero e proprio programma tv, trasmesso in prima
serata su Rai3, e in contemporanea su Radio2 e su RaiPlay con la
traduzione simultanea in LIS. Una scommessa vinta, come
testimoniano gli ascolti: 2 milioni 264mila spettatori con
l’8.69% di share. Quasi il doppio rispetto a un anno fa, quando
l’evento fu seguito da 1 milione 210mila spettatori con il 5.7%.
    “Siamo riusciti a dimostrare che è potenzialmente possibile
fare musica live, garantendo la sicurezza sul lavoro di tutti”,
ha dichiarato soddisfatto Massimo Bonelli, direttore artistico
del Concertone. “Non è stato facile convincere i nostri partner
che si trattasse di un ‘progetto realmente sostenibile’ – spiega
-. Per la prima volta dall’inizio della pandemia la musica è
uscita dai salotti di casa ed ha dato vita a un Evento/Concerto
che è riuscito a creare un po’ di lavoro ‘reale’ nel settore
dello spettacolo”.
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte