Conte promuove Inter, per numeri fatte ottime cose

Un po’ di bastone e un po’ di carota. Antonio Conte punta al controsorpasso sull’Atalanta per il secondo posto e, alla vigilia della sfida contro la Spal, guarda il classico bicchiere mezzo pieno su quanto fatto finora dalla sua Inter. Anche perché i 68 punti in classifica rappresentano il massimo ottenuto dai nerazzurri dopo 32 giornate addirittura dall’era Mourinho (2008/09). ”Sono numeri che testimoniano le ottime cose che sta facendo questa squadra e questi ragazzi, devono essere uno stimolo per proseguire su questa strada e cercare anche di fare meglio”, le parole di Conte.
    Tuttavia, anche il tecnico nerazzurro sa che la ”pazzia” interista in campo non è stata ancora debellata. Per questo, nonostante i quasi 50 punti di differenza rispetto alla Spal, l’obiettivo è tenere alta la concentrazione. ”Le insidie della partita contro la Spal riguardano l’affrontare la gara con il piglio giusto, con determinazione fin da subito – ha aggiunto a Inter Tv -. Affrontiamo una squadra che ha una classifica deficitaria ma bisognerà fare grande attenzione. Conterà il nostro atteggiamento, la nostra voglia e la nostra determinazione nel cercare di fare bene e ottenere i tre punti che sarebbero molto importanti”.
    Dall’altra parte ci sarà Di Biagio, che Conte ha conosciuto anche ai tempi della nazionale quando lui era ct e l’attuale tecnico della Spal guidava l’under 21. ”È molto serio e preparato, sa quello che vuole, ha preso una situazione molto difficile, ma a inizio carriera è giusto farlo. L’ho fatto anch’io in passato”.
    Per la gara con la Spal, Conte dovrà fare ancora a meno di Barella e Lukaku, oltre ai lungodegenti Sensi e Vecino, mentre torna Moses. 


Fonte originale: Leggi ora la fonte