Cops, la banda di poliziotti più pazza d’Italia

ROMA – Buoni “che fanno i cattivi per salvare il posto di lavoro”. Così Claudio Bisio riassume l’innesco per le disavventure dei protagonisti di Cops – Una banda di poliziotti, la commedia Sky Original in due appuntamenti diretta da Luca Miniero, prodotta da Sky e Banijay Italia, al debutto lunedì 14 e 21 dicembre (l’intenzione è continuare il racconto nelle prossime stagioni) su Sky Cinema. Nel cast corale oltre a Bisio ci sono, fra gli altri, Pietro Sermonti, Francesco Mandelli, Dino Abbrescia, Giulia Bevilacqua, Guglielmo Poggi e Giovanni Esposito. E’ una action comedy con un po’ di giallo e comicità anche demenziale che riadatta un film svedese del 2003, Kops di Josef Fares.

Protagonisti alcuni poliziotti che, per evitare la chiusura del loro commissariato, in un cittadina troppo tranquilla (quindi giudicata senza la necessità di un posto di polizia fisso), decidono di darsi a qualche piccolo crimine, per agitare le acque. Come prevedibile, il piano, tra boss criminali latitanti e non, segreti e colpi di scena, scatena conseguenze imprevedibili. L’azione qui si sposta dalla Svezia alla provincia pugliese, in un’immaginaria cittadina, Apulia. A godersi la calma sono fra gli altri il non troppo sveglio sovrintendente Nicola Gargiulo, detto per il fisico O’Sicc (Sermonti), sposato alla sovrintendente generosa e forte Maria Crocifissa (Bevilacqua); il folle Benny the Cop (Mandelli) che vive con la nonna, ma pensa, parla e agisce da ‘sbirro’ di un poliziesco americano; il centralinista gay Tommaso (Poggi) che si sente perennemente bersaglio di allusioni sulla sua sessualità (“un personaggio con cui prendiamo anche un po’ di mira il ‘politicamente corretto” spiega Miniero).

A guidare il gruppo, abituato a riunirsi davanti al chioschetto di panini di Tonino (Abbrescia), che nasconde un segreto, arriva il commissario Valerio Cinardi (Bisio). Dopo una carriera in prima linea, Cinardi spera di godersi un po’ di tranquillità, ma l’arrivo dell’integerrima emissaria del ministero Margherita Nardelli (Rocca), con le sue brutte notizie, ha l’effetto di un terremoto. Il primo episodio “è ispirato al film svedese, il secondo del tutto nuovo -spiega Miniero -. L’adattamento al sud veniva abbastanza spontaneo, volevamo mostrare sia geograficamente che umanamente un mondo imperfetto e raccontare la polizia da un punto di vista diverso. E’ anche una parodia sul genere poliziesco, che ha invaso le nostre tv”. Bisio, qui per la prima volta in un ruolo in divisa, ha amato “il progetto e la sua coralità – spiega l’attore, che ritroveremo anche protagonista della serie di Canale 5 Tutta colpa di Freud -. C’è chi ha citato, parlando di Cops, La pallottola spuntata o Scuola di polizia e qualcuno mi ha detto non si era mai vista in Italia un’esperienza così forte di comedy legata al crime. A me piace moltissimo anche l’aspetto demenziale, mi considero il fratello/cugino di Elio e le Storie Tese. Con queste premesse, ci sono tutti gli elementi per andare avanti”.

In Cops, Bisio ritrova Stefania Rocca (anche fra gli interpreti di Tutta colpa di Freud) con cui aveva già recitato in Nirvana e La Cura del Gorilla. “Il mio personaggio – dice l’attrice – rappresenta un elemento disturbante. Mi divertiva essere la rigida del gruppo, tutta regole e puntualità, con l’ambizione di educare queste persone che non sanno cosa vuol dire essere poliziotti”. Il più incontrollabile della ‘banda’ è Benny, “in cui c’è un po’ di Tackelberry (uno dei personaggi iconici di Scuola di polizia), ha la stessa passione esageratamente morbosa per le armi – spiega Mandelli -. Benny è un appassionato di serie poliziesche, pensa di essere un poliziotto del Bronx ma è ad Apulia, quindi c’è un problema. Ha anche un lato tenero, che mostra alla nonna, per quanto le faccia anche dei finti agguati”. Per tanti anni “abbiamo regalato agli abbonati I delitti del Barlume che di solito andava in onda verso la Befana – spiega Nils Hartmann, Senior Director Original Production di Sky Italia -. Abbiamo iniziato a pensare ad altre idee di collection di comedy ed è saltata fuori Cops. L’intenzione era far ridere con una qualità cinematografica, che qui è garantita da Luca e il cast. In questo periodo, non troppo allegro, farà arrivare tutti a Natale con qualche sorriso in più”.


Fonte originale: Leggi ora la fonte