Coronavirus, a Roma un murales per gli abbracci mancati

Un murales per tutti gli abbracci mancati a causa del coronavirus. E’ l’opera realizzata allo Spallanzani di Roma dallo street artist Harry Greb: un tributo a chi non ha potuto abbracciare i propri cari che stavano male e a chi è guarito o non ce l’ha fatta senza essere stato abbracciato.

Greb ha scelto un’immagine del film di Milos Forman “Qyalcuno volò sul nido del cuculo” con l’abbraccio tra il protagonista interpretato da Jack Nicholson e Will Sampson raffigurato con mascherina e guanti. L’opera si trova sul muro esterno dell’Istituto Nazionale di malattie infettive Lazzaro Spallanzani. 

“Quando un’immagine dice più di mille parole. L’abbraccio che molte vittime del coronavirus non hanno potuto dare ai loro cari in un murales dello street artist Harry Greb sui muri dello Spallanzani. Immagine tratta dal film ‘Qualcuno volò sul nido del cuculo’, rivisitata con guanti e mascherine. Mi ha commosso ed emozionato. Grazie”. Così su Facebook il segretario del Pd Nicola Zingaretti.


Fonte originale: Leggi ora la fonte