Corteo migranti, folla a Milano | Grasso: “Chi è nato e studia qui è italiano”

A migliaia sono scesi in piazza per la manifestazione “Insieme senza muri”. Militanti dei centri sociali contro il Pd, momenti di tensione. E Salvini all?attacco: “A passeggio i razzisti anti-italiani”.

A migliaia sono scesi in piazza a Milano per il corteo “Insieme senza muri”, la manifestazione a sostegno dei migranti. Ottantamila persone secono gli organizzatori all’appuntamento che ha sollevato pesanti polemiche, con Salvini che a Tgcom24 dice: “A spasso per Milano il razzismo anti-italiani”. Presenti il sindaco Sala e molte personalità politiche, tra cui Pietro Grasso ed Emma Bonino. Momenti di tensione con i centri sociali.

Grasso: “Chi è nato e studia qui è italiano” – Il passaggio più applaudito del presidente del Senato Pietro Grasso è stato quello in cui ha fatto riferimento al bisogno di una legge sulla cittadinanza. “Chi è nato in Italia – ha detto infatti il numero uno di Palazzo Madama -, chi studia in Italia, è italiano”. Ha anche definito la marcia di Milano “una manifestazione per i migranti e siccome qualcuno pensa che sia in pericolo la nostra sicurezza, vorrei dire che l’integrazione, l’accoglienza diffusa rende più sicure le città”.

“Uguali diritti e opportunità: questo è certamente un modo per rendere più tranquillo il Paese” ha affermato, precisando di aver deciso di partecipare al corteo perché ritiene “l’accoglienza dei migranti un dovere oltre che morale giuridico. Il messaggio deve essere a tutta la Ue”.

Inoltre, secondo Grasso “l’accoglienza dei migranti è un dovere non solo morale ma anche giuridico. Il messaggio deve essere a tutta l’Europa. Vogliamo coinvolgerla in questa nostra attività di accoglienza e integrazione”.