Dall’analisi delle foto ai tag, AI al servizio dell’editoria

(ANSA) – ROMA, 15 DIC – Controllare le foto da pubblicare,
scegliere i tag e scovare gli argomenti di tendenza sui social:
sono alcune delle applicazioni dell’intelligenza artificiale
(AI) al mondo dell’editoria per coadiuvare i giornalisti e
snellire la mole di lavoro. A sperimentarle è Atex, azienda
specializzata nella gestione del content management, insieme a
società e startup hi-tech.
    L’azienda usa ad esempio l’AI e il Machine Learning di
Amazon Web Services per consentire ai propri prodotti di
riconoscere automaticamente se in un’immagine ci siano elementi
sensibili o potenzialmente rilevanti (come targhe di automobili
o volti di minorenni, che non devono essere mai pubblicati).
    “L’AI non sceglie l’immagine migliore per quell’articolo –
precisa la società – ma verifica che l’immagine scelta
dall’autore soddisfi alcuni criteri”.
    Atex sta lavorando anche con Babelscape, una start-up
dell’università La Sapienza di Roma che applica l’AI al
linguaggio e all’analisi del testo. Frutto della collaborazione
è un prodotto in grado di fornire un’analisi semantica accurata,
che permette di taggare i contenuti in modo veloce e preciso.
    Dal lavoro con EzyInsights nasce invece la possibilità di
andare a caccia di trending topic sui principali social media. E
con l’AI si può intervenire anche su un articolo di giornale
stampato in pdf, per riconoscerne tutte le parti e lavorarci in
maniera più agevole, ad esempio estraendone i testi o le foto,
facendone il reflow e realizzando una rassegna stampa più
pulita. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte