Decreto maggio, resta nodo imprese, governo decide dopo incontro con parti sociali

E’ ancora braccio di ferro nel governo sul Reddito di emergenza e manca la quadra sulle norme per il sostegno alle imprese. E’ quanto emerge dopo la riunione della scorsa notte del premier Giuseppe Conte e del ministro Roberto Gualtieri con i capi delegazione e i rappresentanti dei partiti di maggioranza sul decreto di maggio. Un nuovo vertice di governo è in programma dopo il confronto con le parti sociali.
    Non c’è ancora l’intesa anche sulle norme a sostegno delle aziende, con ricapitalizzazioni con risorse pubbliche e stanziamenti a fondo perduto. Il premier avrebbe rinviato il momento per fare una sintesi e prendere una decisione dopo l’incontro con sindacati e imprese. Sul Reddito di emergenza il confronto continua intanto a essere molto acceso. Pd e Iv dicono di no all’attuale formulazione della norma voluta dal M5s per il sostegno ai redditi più bassi “a decorrere da maggio 2020” per alcuni mesi: la richiesta degli alleati è, invece, introdurre un sostegno una tantum e non strutturale.
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte