Disperso in Appennino parmense, ricerche complicate da neve

(ANSA) – BOLOGNA, 30 DIC – Sono riprese questa mattina
intorno alle 7.30 ma, ad ora, ancora senza esito, le ricerche di
uno scialpinista di 52 anni disperso sull’Appennino parmense.
    Dell’uomo, un residente di Parma, non si hanno notizie da lunedì
pomeriggio quando, dopo avere parcheggiato l’auto nel parcheggio
del rifugio di Schia, è salito verso il Monte Caio. Le
operazioni, fa sapere il Soccorso alpino, impegnato con vigili
del fuoco, carabinieri, forestali e protezione civile, sono
particolarmente complicate per le condizioni meteo che sono
peggiorate con neve, scarsa visibilità e nubi.
    Per le ricerche anche il personale degli impianti della zona
hanno messo a disposizione gatti delle nevi e motoslitte. In
queste ore si sta bonificando una valanga molto in quota e in
mattinata l’elicottero dei vigili del fuoco decollato da Bologna
ha fatto alcuni tentativi di sorvolo in zona.
    Da lunedì sera sulle pendici del Caio è in corso una vera e
propria tempesta con temperature particolarmente rigide. Il
timore dei soccorritori è che l’uomo sia stato colto da malore
ed essendo da solo non sia riuscito a chiedere aiuto. L’allarme
era stato dato ieri mattina dalla fidanzata, preoccupata per il
telefonino spento dell’uomo. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte