Ecco chi è la ragazza del selfie osé con Conte

“Ho sostenuto l’esame di diritto privato con lei a Firenze. Dovrei togliermi le mutande e il reggiseno per fare foto di questo tipo: facciamoci un selfie!”. Così nella giornata di ieri una giovane ragazza ha avvicinato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, a passeggio per le strade di Roma.

Spieghiamo. Il premier, ieri, si è concesso una pausa dopo il vertice di maggioranza e prima del pre-consiglio dei ministri sul decreto Semplificazioni. Accompagnato dalla scorta, l’inquilino di Palazzo Chigi è passato per via del Corso, dove è stato più volte fermato. (GUARDA IL VIDEO)

Ecco, ma chi è la ragazza protagonista del selfie osé? L’ex studentessa dell’avvocato e professore all’Università di Firenze è Alessandra Cantini. Si tratta della stessa persone che tempo fa fece scandalo in televisione in occasione dell’ultima puntata de La Repubblica delle Donne di Piero Chiambretti, visto che si alzò la gonna e mostrò il lato b a favore di telecamera. All’epoca dei fatti venne invitata in trasmissione in qualità di scrittrice, avendo dato alle stampa “Sacro Maschio”.

Andando sul profilo Instagram di Alessandra Cantini, di sé dice: “Dottoressa e artista, protettrice e musa dell’uomo. Niente mutandine, niente ipocrisia, nessuna codardia. Pornopolitica, Venusiana”. Come riportato da Dire, ha due lauree e parla sei lingue; inoltre è contraria alla campagna del #MeToo.

Ma come ha reagito Conte alle parole di quella ragazza che gli si è avvicinata per il selfie peraltro senza mascherina? Con freddezza. E qualche attimo dopo l’ha appunto freddata con un “manteniamo le distanze”, concedendole comunque il selfie insieme.

L’ultima parola, però, se l’è presa la Cantini, che ha postato il selfie con il sedicente avvocato del popolo sul proprio profilo Instagram, scrivendo: “Prof si tenga pure la museruola, io non ne ho bisogno e a meno di un metro vi sbranerei già (non mi avete allontanata abbastanza) peccato che non ho tempo di togliermi le mutande e fare scandalo… adesso…”.



Fonte originale: Leggi ora la fonte