Ecco la lettera della discordia Ue-Cina

Questa è la lettera aperta firmata dall’ambasciatore Ue a Pechino e dagli ambasciatori dei 27 pubblicata dal China Daily e censurata nel passaggio in cui si riferisce all’origine del virus in Cina. Dopo la censura, la missiva – titolata ‘Rimarcando 45 anni di relazioni diplomatiche Ue-Cina in un momento di crisi globale’ – è stata pubblicata integralmente sui siti delle ambasciate europee. Eccone il testo.

“Quest’anno celebriamo il 45esimo anniversario delle relazioni diplomatiche tra l’Ue e la Cina, istituite il 6 maggio 1975. È una pietra miliare importante in una relazione sempre più importante tra la nostra Unione di 27 Stati europei e la Cina. Abbiamo fatto molta strada dal 1975. A quel tempo, l’Ue era composta da soli nove Stati membri. La Cina stava solo iniziando ad aprirsi al mondo e non aveva ancora subito la sua formidabile trasformazione economica. Il commercio tra le nostre due parti era minimo. Ora, in tempi normali, l’Ue e la Cina intrattengono scambi commerciali per 1,8 miliardi di euro al giorno.

Collaboriamo in più settori che mai, compresi quello politico, economico, finanziario, scientifico, educativo e culturale. Entrambi abbiamo evidenti interessi condivisi nella risoluzione pacifica dei conflitti globali, mitigazione dei cambiamenti climatici, sviluppo sostenibile, sicurezza alimentare ed energetica, non proliferazione nucleare e giustizia sociale. E condividiamo un’aspirazione comune a portare la nostra relazione ad un livello ancora più produttivo negli anni a venire, con l’aumentare della connettività tra Europa e Asia. Mentre abbiamo le nostre differenze, in particolare per quanto riguarda i diritti umani, la nostra partnership è diventata abbastanza matura da consentire discussioni franche su questi temi. Entrambi vediamo i meriti nel sostenere e difendere il multilateralismo, con le Nazioni unite e il Wto al centro.

Fino a metà gennaio, l’anno 2020 era stato salutato come cruciale per le relazioni Ue-Cina, con numerosi incontri di alto livello volti ad approfondire la cooperazione”.

DI SEGUITO LA PARTE ORIGINARIA DELLA LETTERA: “Ma l’esplosione del coronavirus in Cina, e la sua successiva diffusione nel resto del mondo negli ultimi tre mesi, ha portato temporaneamente a mettere da parte i nostri piani preesistenti perché sia l’Ue, sia la Cina sono completamente mobilitate per affrontare quella che ora è diventata una sfida di proporzioni veramente globali”.

QUESTA, INVECE, COM’E’ STATA PUBBLICATA IN CINA: “Ma l’epidemia del coronavirus ha portato temporaneamente a mettere da parte i nostri piani preesistenti perché sia l’Ue, sia la Cina sono completamente mobilitate per affrontare quella che ora è diventata una sfida di proporzioni veramente globali”.

“Tuttavia – prosegue poi la lettera – stiamo attualmente riprogrammando il vertice annuale Ue-Cina, che originariamente avrebbe dovuto svolgersi a Pechino a marzo, e i piani per un vertice speciale dei leader degli Stati membri dell’Ue e della Cina a Lipsia a settembre sono sulla buona strada. È già chiaro che la pandemia rimodellerà il nostro mondo. Ma esattamente come, dipenderà dalle scelte che facciamo oggi. Il coronavirus dovrebbe essere visto come una sfida comune al mondo. È chiaro che una pandemia globale richiede una risposta globale.

L’Ue sta giocando il suo ruolo e sta facendo tutto il possibile per gestire la crisi e le sue conseguenze. Agiamo con determinazione per proteggere i nostri cittadini, la salute pubblica ed evitare un’ulteriore diffusione. Tra i nostri 27 Stati membri c’è un forte impegno per la solidarietà, il sostegno reciproco e la condivisione congiunta degli oneri al fine di mitigare lo shock economico che il virus ha provocato nei nostri Paesi.

In diverse fasi della pandemia, c’è stata assistenza reciproca tra Europa, Cina e altri, a dimostrazione del sostegno reciproco. L’Ue ha sostenuto la Cina quando è stata sopraffatta dallo scoppio all’inizio dell’anno, con grandi donazioni di attrezzature tanto necessarie. E ora la Cina sta restituendo tale sostegno quando l’Europa è nel momento del bisogno. Ecco come agiscono i veri partner.

Oltre alle attrezzature mediche, esiste una reale necessità di assistenza macroeconomica. Il modo migliore per accelerare la ripresa economica è espandere il commercio. È qui che, come principali attori globali, una cooperazione di successo sul fronte bilaterale Ue-Cina sarà ancora più importante. Avremo bisogno di maggiori scambi commerciali e investimenti da entrambe le parti, quindi una rapida conclusione dei negoziati sull’accordo globale Ue-Cina sugli investimenti sarà cruciale a tal fine.

Ma collaboriamo anche per rendere questa una ripresa verde. Uno stretto partenariato tra la Cina e l’Ue è fondamentale per il successo degli sforzi climatici globali. Sia l’Ue, sia la Cina devono aprire la strada assumendo impegni ambiziosi sui cambiamenti climatici entro la fine di quest’anno. Il mondo inizialmente ha affrontato la crisi in modo non coordinato. Ora è chiaro che l’unica via d’uscita è insieme. E questo vale anche per le molte altre aree in cui il mondo ha bisogno della cooperazione di Europa e Cina, come l’azione per il clima, la pace e la sicurezza, lo sviluppo sostenibile e il mantenimento dell’ordine globale multilaterale. L’Ue e la Cina possono portare avanti tutto questo e altro, insieme”.


Fonte originale: Leggi ora la fonte