Esce il libro postumo e incompiuto di Giampaolo Pansa

(ANSA) – ROMA, 29 GIU – Arriva in libreria il 30 giugno il
libro postumo e incompiuto di Giampaolo Pansa ‘L’Italia si è
rotta’, pubblicato a sei mesi dalla morte del giornalista e
scrittore, avvenuta il 12 gennaio 2020, con la prefazione della
moglie, Adele Grisendi, che lui considerava sua co-autrice, e
uno scritto di Pietrangelo Buttafuoco, ‘La Turandot di Giampaolo
Pansa’.
    Il narratore, vero protagonista del libro, è un giornalista
avanti negli anni, alter ego di Pansa, che vive a Roma e
racconta la deriva dell’Italia a cominciare dal 2020, anno
bisestile e maledetto.
    L’Italia appare un territorio abbandonato a se stesso, nel
totale degrado sociale e civile, dove gli anziani sono lasciati
in balia di teppisti giovanissimi e dove buona parte dei
politici sono degli irresponsabili che urlano proclami
irrealistici.
    “Il nostro è un Paese perduto. Travolto dalla cattiva politica,
da partiti e governi incompetenti e corrotti dalla brama di
potere. Sempre più diviso tra ricchi e poveri. Guastato dalle
ruberie di personaggi pubblici e privati e dall’inosservanza
delle leggi da parte di molti. In questi ultimi anni mi sono
sempre più spesso domandato: che cosa ci accadrà domani? I miei
ultimi lavori guardavano al passato, questo si spinge nel
futuro” sono tra le parole di Pansa, giornalista, inviato ed
editorialista dei principali quotidiani e settimanali italiani,
autore di numerosi saggi e romanzi di grande successo, nel primo
capitolo del libro che sarà presentato il 7 luglio alle 17.30
su Zoom in un evento organizzato dall’Università di Pavia e
dall’Associazione Laureati dell’UniPV, coordinato da Alessandro
Galimberti, presidente dell’Ordine dei Giornalisti della
Lombardia.
    All’incontro, introdotto da Renata Crotti, segretario Generale
Associazione Laureati, aperto dal saluto di
Giampaolo Azzoni, pro rettore vicario Università di Pavia,
interverranno Carlo Rossella, presidente Associazione Laureati;
Antonio Polito, editorialista Corriere della Sera;
Pier Luigi Vercesi, inviato speciale Corriere della Sera, con la testimonianza di Adele Grisendi Pansa. Si può partecipare
gratuitamente, previa iscrizione via mail a
associazionelaureati@unipv.it. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte