Gb: lutto unanime ai Comuni per deputato ucciso, basta minacce

(ANSA) – LONDRA, 18 OTT – Un tributo unanime, senza
distinzioni fra partiti, da parte di un Parlamento vestito a
lutto. Così la Camera dei Comuni ha ricordato oggi in seduta
straordinaria sir David Amess, deputato Tory di lungo corso
ucciso venerdì con 17 coltellate per mano di un 25enne londinese
di origine somala, Ali Harbi Ali, probabilmente ispirato
dall’odio jihadista, a Leigh-on-Sea, nell’Essex (sud
Inghilterra), durante un tradizionale incontro con suoi elettori
ospitato nei locali d’una chiesa metodista.
    Il premier Boris Johnson, aprendo la commemorazione, ha
parlato di un omicidio “tragico e insensato”, di un atto di “ignobile violenza”, mentre ha ricordato il compagno di partito
come un uomo di principi, ma anche di dialogo, “gentile” nella
differenza di opinioni. Parole cui hanno fatto eco con toni
analoghi quelle del leader dell’opposizione laburista Keir
Starmer come di esponenti di tutti i gruppi; sullo sfondo di
appelli comuni a far sì che la democrazia britannica non si
lasci “intimidire” dalla violenza e risponda a quest’ultimo
agguato in uno spirito di unità, come dopo l’uccisione della
deputata laburista Jo Cox nel 2016.
    Johnson ha poi annunciato la firma della regina sotto un
provvedimento in onore dello scomparso per la promozione della
zona del suo collegio, quella di Southend, allo status di area
metropolitana: obiettivo per il quale Amess aveva combattuto per
anni in nome del suo leggendario legame con il territorio di cui
era deputato e con gli elettori che amava incontrare faccia a
faccia costantemente, come è stato ricordato. Un elemento che ha
spinto il premier, la ministra dell’Interno, Priti Patel, Keir
Starmer e altri a sottolineare la necessità di rafforzare la
tutela degli eletti nei loro incontri pubblici e contro le
minacce degli abusi sui social media, garantendo tuttavia il
rispetto della tradizione democratica britannica “di apertura” e
accesso libero degli elettori verso gli eletti. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte