Golf: Usa, in Massachusetts non si gioca. Monta la protesta

(ANSA) – ROMA, 05 MAG – Riaprire i campi da golf sfidando e
violando le disposizioni del governatore Charlie Baker. In
Massachusetts Cara Cullen, proprietaria del Wachusett Country
Club e del Kettle Brook Golf Club – secondo quanto riportato da
Fox News – sarebbe pronta ad un’azione di protesta pur di
riaprire i suoi circoli.
    “Perché 47 tra 50 stati Usa sono tornati a giocare, nonostante
la pandemia e il lockdown, sottolineando che questo è uno sport
sicuro e noi invece non possiamo farlo?”. E’ questo
l’interrogativo posto dalla Cullen, che attacca. “E’ frustrante
e qualcuno deve spiegarmi i motivi di queste differenze. L’aria
che si respira qui è per caso diversa da quella di tanti altri
stati Usa? So benissimo quanto sia grave questa emergenza
sanitaria visto che mia suocera ha contratto il Covid-19. I miei
figli non la vedono da marzo e conosco da vicino i rischi e le
problematiche. Ma noi non abbiamo alcuna certezza sulle
riaperture e vedo differenza di trattamenti”.
    Con entrambi i circoli chiusi da marzo perché il golf non è
stato considerato – al contrario di quanto successo in Arizona –
un servizio “essenziale”, il Massachusetts dall’11 maggio,
quando riapriranno anche i circoli del New Hampshire, insieme a
quelli di Vermont e del Maryland sarà l’unico stato degli States
dove non si potrà ancora tornare sul green. Di qui la protesta
della Cullen, pronta a forzare la mano, con tutti i rischi del
caso, pur di riprendere l’attività “in sicurezza. Tra golf cart
consentiti solo ad una persona alla volta, mascherine, guanti,
disinfettanti, distanziamento sociale e spogliatoi chiusi”.
    (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte