Golf: WGC St. Jude, Koepka superstar a Memphis

(ANSA) – ROMA, 31 LUG – Brooks Koepka suona la carica e a
Memphis vola subito in testa al WGC-FedEx St. Jude Invitational.
    Nel torneo del World Golf Championship, il mini circuito
mondiale – in scena a porte chiuse – l’americano, campione in
carica, con un parziale di 62 (-8) caratterizzato da nove birdie
(di cui 4 consecutivi) e un bogey, ha realizzato il suo
punteggio più basso in un singolo giro dal 2016 (Shriners
Hospitals, PGA Tour).
    Tra i golfisti più sottovalutati della vigilia per il suo
difficile momento di forma, Koepka ha risposto così alle
critiche. Tra le chiavi della sua rinascita la nuova
collaborazione con Phil Kenyon, guru del putt e tra gli artefici
dei trionfi di Francesco Molinari nel 2018.
    “Mi ha cambiato il modo di giocare e pensare – le dichiarazioni
di Koepka – e ora ne sto traendo i benefici”.
    Il 30enne di West Palm Beach, ex numero 1 al mondo, dopo il
primo round ha due colpi di vantaggio sui connazionali Rickie
Fowler e Brendon Todd, entrambi 2/i con 64 (-6). Mentre è in 4/a
posizione (65, -5) il sudcoreano Sung Kang.
    Buon avvio anche per Justin Thomas (leader della FedEx Cup), 5/o
(66, -4) al fianco di Matt Kuchar, Chez Reavie e Max Homa.
    Chiudono la Top 10, in 9/a posizione (67, -3), Bryson
DeChambeau, Phil Mickelson, Sergio Garcia, Abraham Ancer,
Sungjae Im e Viktor Hovland.
    Partenza con il freno a mano tirato per Jon Rahm. Lo spagnolo,
numero 1 mondiale, è solo 36/o (70, par). Ma la delusione più
grande della giornata è rappresentata da Rory McIlroy. L’ex
padrone del ranking (ora secondo) non è andato oltre la 67/a
piazza (73, +3) e sembra già tagliato fuori dalla lotta per il
titolo. Dei 78 giocatori in campo – di cui 9 tra i primi 10 al
mondo – peggio di lui hanno fatto solo Tyler Duncan (77/o con
74, +4) e Jazz Janewattananond (78/o con 75, +5).
    Nel Tennessee, sul percorso del TPC Southwind (par 70), Koepka –
nell’antipasto Major (dal 6 al 9 agosto è in programma il PGA
Championship a San Francisco) – s’è preso la testa della
classifica e, dopo l’impresa del 2019, sogna il bis. In un
evento, il WGC-FedEx St. Jude, che mette in palio un montepremi
stellare di 10.500.000 dollari. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte