Golf: Workday; sorpasso Thomas, Hovland insegue

(ANSA) – ROMA, 12 LUG – La classe di Justin Thomas, il
coraggio di Viktor Hovland, lo stop di Collin Morikawa, la
debacle di Jon Rahm e la hole in one di Bronson Burgoon: il
terzo e penultimo round del Workday Charity Open di golf ha
regalato spettacolo e colpi di scena. A Dublin, nell’Ohio,
l’americano Thomas – nel torneo del PGA Tour, in scena a porte
chiuse – è volato in testa alla classifica grazie a un parziale
di 66 (-6) su un totale di 200 (-16) e ora, ad un giro dal
termine, ha un vantaggio di due colpi sul norvegese Hovland,
secondo con 202 (-14). Mentre è scivolato dalla prima alla terza
piazza (203, -13) il californiano Morikawa. Possibilità di
vittoria anche per altri due golfisti a stelle e strisce, Sam
Burns e Kevin Streelman, entrambi 4/i con 205 (-11) davanti al
britannico Ian Poulter e al naturalizzato slovacco Rory
Sabbatini, 6/i con 206 (-10). Più complicata la posizione di
Gary Woodland e Rickie Fowler, 8/i (207, -9) come il giapponese
Hideki Matsuyama. Ancora una prova deludente per Jon Rahm, 62/o
(217, +1), che spreca così la chance di salire, per la prima
volta in carriera, sul trono del ranking mondiale. Il re resta
dunque Rory McIlroy, assente a Dublin. Un’altra “hole in one” –
la terza della rassegna – al Workday, realizzata stavolta da
Burgoon, 33enne di The Woodlands (Texas), che ha mandato la
palla direttamente in buca dalla “hole” 8, par 3 di 166 yards,
utilizzando un ferro 8. Mentre sono usciti al taglio Brools
Koepka (143, -1), Jordan Spieth (144, par), Matthew Wolff (149,
+5) e Justin Rose (154, +10).E ora la volata finale con Thomas
che insegue la 13esima vittoria sul PGA Tour in un evento che
mette in palio anche un montepremi complessivo di 6.200.000
dollari. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte