Cattolica. Lavori urbanistici ed edilizi, si passa dall’avviso pubblico

Nuova opportunità di riqualificazione del territorio comunale

Lavori urbanistici ed edilizi, si passa dall’avviso pubblico

L’accordo operativo come “convenzione” tra Amministrazione e privati nell’interesse dalla collettività. Le proposte da presentare entro il prossimo 27 settembre

CATTOLICA, 03 Luglio 2018 – L’Amministrazione di Cattolica prosegue nella definizione degli strumenti urbanistici per un migliore sviluppo della cittadina. Dopo l’approvazione in Consiglio Comunale, è stato pubblicato all’Albo Pretorio l’Avviso pubblico per la presentazione di proposte di accordi operativi finalizzate all’attuazione di interventi urbanistici ed edilizi, in attuazione della recente legge regionale che disciplina la tutela e l’uso del territorio (art. 4 della L. R. n. 24/2017).

In buona sostanza, i privati avranno tempo sino al prossimo 27 settembre per proporre interventi nelle aree strategiche per l’economia comunale. In particolare l’avviso contempla aree quali la “città turistica”; aree di nuovo insediamento che dovranno rispettare criteri di risparmio energetico ed ambientale ed essere strutturalmente riqualificanti del tessuto urbano circostante; aree urbane di riqualificazione che potranno attuarsi singolarmente e per stralci funzionali anche attraverso un disegno organico ed unitario tra le aree pubbliche e private; la riqualificazione del centro storico con l’introduzione di nuove funzioni (comunque conformi allo strumento vigente) oltre a quelle già insediate.

Prima di giungere a quest’atto, Cattolica aveva scelto di attivare un percorso di adeguamento della pianificazione comunale ai contenuti della nuova legge, così come previsto dall’articolo 77, in qualità di “Ente sperimentatore” per la redazione del Piano Urbanistico Generale (PUG). In precedenza si era approvato il Regolamento Urbanistico Edilizio (Rue) a fine 2016, si era redatto il Masterplan (aprile 2017) e si era ratificato il Piano Operativo Comunale (POC) lo scorso marzo.

Nel periodo transitorio tra l’approvazione della Legge Regionale e i tre anni per l’avvio del procedimento, il Comune di Cattolica ha deciso dunque di promuovere la presentazione di proposte di accordi operativi per dare immediata attuazione a parte delle previsioni contenute nel Piano Strutturale Comunale (PSC) vigente individuando i criteri di priorità, i requisiti e i limiti in base a cui valutare la rispondenza all’interesse pubblico di tali proposte avanzate dai soggetti interessati.

Le proposte verranno valutate a condizione che il progetto sia strutturalmente autosufficiente, non pregiudichi le parti confinanti e soddisfi i requisiti richiesti dalla normativa in materia di sostenibilità territoriale e ambientale. Si giudicheranno positivamente anche quelle proposte che accolgano le previsioni ed i principi urbanistici del Masterplan.

“Si tratta di un passo ulteriore – spiega l’Assessore all’Urbanistica Fausto Battistel – che l’Amministrazione mette in atto accogliendo le opportunità previste dalla nuova legge regionale urbanistica. La nostra priorità resta la riqualificazione ed il recupero della qualità e del decoro urbano della città attraverso la valorizzazione, la tutela e lo sviluppo delle parti degradate della città”.