Cattolica. 41enne arrestata per estorsione: voleva ricattare il titolare che non le ha confermato il contratto

Ricatta il titolare dell’azienda che non le ha confermato il contratto, chiedendogli settemila euro in contanti, ma viene arrestata in flagranza di reato con la pesante accusa di estorsione aggravata. Nei guai ex dipendente, una cittadina ucraina di quarantuno anni in Italia da tempo. A rivolgersi ai carabinieri di Cattolica l’amministratore di un’azienda metalmeccanica cattolichina, leader nel settore. La donna avrebbe cercato di estorcere dei soldi, inizialmente diecimila euro, minacciando di regalare alla concorrenza informazioni sensibili sulla clientela visto che lei aveva avuto accesso all’archivio dei dati. Non contenta ha alzato il tiro minacciando di mettere in cattiva luce la ditta sui social con calunnie tipo molestie sessuali o altro. I carabinieri però  l’hanno arrestata in flagranza di reato.