In Veneto sì a sport in impianti anche per non professionisti

Via libera in Veneto sarà consentito l’allenamento individuale negli impianti sportivi, a porte chiuse, per gli atleti professionisti e anche non professionisti, mantenendo il distanziamento di 2 metri tra loro ed evitando assembramenti. La previsione riguarda anche il calcio e le piscine. Lo prevede la nuova ordinanza firmata dal presidente della Regione Luca Zaia. “Se Federica Pellegrini deve allenarsi, per fare un esempio – ha detto Zaia – potrà farlo”.

Le Regioni comunque procedono tra strette a fughe in avanti. Ecco cosa accadrà città per città. E il ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia, impugna l’ordinanza della Regione Calabria.

FONTANA, VEDIAMO LA FINE DI UN INCOBO NON LONTANA – “Le cose stanno andando gradualmente meglio. Avevamo sempre detto che se avessimo rispettato quelle regole stringenti, che hanno sicuramente violato la nostra libertà e ci hanno costretto a vivere in modo strado e anomalo, le cose sarebbero migliorate. E in effetti così è stato”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana a Radio Padania. “Siamo in una fase di discesa – ha aggiunto – che ci fa vedere non molto lontano la fine di questo incubo. Dobbiamo a questo punto, da domani, ricominciare a vivere un po’ più normalmente ma continuando a rispettare rigidamente quelle regole di comportamento che ancora ci sono, per fare sì che la situazione migliori ancora di più e arrivi a una conclusione. E che se il virus non dovessero scomparire, ci consenta di convivere in maniera accettabile”.

SALA, ORA COMPORTAMENTO VALE 90, CONTROLLO 10 – “Noi cercheremo di fare il possibile e ieri ne ho discusso a lungo con il prefetto, ma questa è una partita in cui il comportamento vale 90 e il controllo vale 10. Questa è la realtà e chi vi dice una cosa diversa vi racconta balle”. Così il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha parlato del comportamento dei cittadini nella ripartenza, in particolare sul trasporto pubblico che avrà capienza ridotta. “Stamattina ho visto su un quotidiano la foto di un mezzo sostitutivo Atm della metropolitana alle 5 di mattina di sabato troppo affollato. E’ vero, era troppo affollato di gente che andava a lavorare – ha aggiunto – Milano è una città con 1,4 milioni di abitanti e un altro milione di persone che quotidianamente, in condizioni normali, entrano in città. Ha 1700 chilometri di strade, 25 milioni di metri quadrati di verde. Poi se mettiamo insieme le carrozze della metropolitana, i tram, i bus facciamo 3 mila mezzi potenzialmente da controllare”.

IN UMBRIA ZERO CONTAGIATI – Oggi in Umbria si registra lo zero contagi da Covid-19 sui 751 tamponi eseguiti, 38.823 nel complesso. Lo ha reso noto la Regione aggiornando i dati alle 8 di oggi. Le persone positive restano quindi 1.394.


Fonte originale: Leggi ora la fonte