Lampedusa, migliaia di tunisini. C’è chi sbarca con cane e valigie

Il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese vola in Tunisia per tentare di arginare il flusso incontrollato di migranti che arrivano a Lampedusa dal Paese nordafricano. Solo nella notte di ieri ci sono stati sette sbarchi con più di duecento migranti quasi tutti tunisini arrivati in poche ore. Undici, tra cui tre donne, sono stati soccorsi vicino alla costa, erano a bordo di un barchino con bagagli e un barboncino al guinzaglio al seguito. La diffusione dell’immagine sui social ha scatenato – e non poteva essere altrimenti – polemiche a non finire.

Il fronte tunisino è esploso. Solo a luglio sono arrivati in Italia 5.200 migranti, erano stati mille nel 2019 e 1.900 nel 2018. E i tunisini sono i più numerosi tra le persone sbarcate da gennaio a oggi: 4.354, il 35% del totale. Il timore del Viminale è che l’ondata continui ad aumentare, per questo Lamorgese ieri è andata a Tunisi dal presidente della Repubblica, Kais Said, e dal suo omologo e premier incaricato di formare un nuovo governo, Hichem Mechichi. L’urgenza è di porre un freno alle partenze con un rafforzamento dei controlli da parte della guardia costiera tunisina. Sono decine i barchini che partono dalle coste di Sfax e Zarzis. La crisi economica e politica del Paese, la disoccupazione alle stelle e il Covid hanno innescato un mix esplosivo che ha moltiplicato in modo esponenziale le partenze: «L’Italia è pronta a offrire pieno supporto alla Tunisia anche mediante formule più efficaci di collaborazione nell’attività di sorveglianza delle imbarcazioni dei trafficanti in partenza dalla costa africana», spiega Lamorgese. Il presidente Said ha dato «rassicurazioni su una intensificazione dei controlli alle frontiere marittime per contrastare l’attività dei trafficanti di migranti».

I migranti che arrivano a Lampedusa in poche ore di navigazione sono per la quasi totalità giovani tunisini col sogno italiano. Molti sono già noti alle forze dell’ordine, espulsi diverse volte dall’Italia, anche per precedenti penali di rilievo. Da qui il timore per le fughe incontrollate dai centri di accoglienza e di quarantena: spesso molti dei tunisini che fuggono restano irrintracciabili. «Specialmente con il perdurare della pandemia – dice ancora il ministro Lamorgese da Tunisi -, questi flussi incontrollati creano seri problemi alla sicurezza sanitaria nazionale che si riverberano sulle comunità locali interessate dai centri di accoglienza, dai quali, tra l’altro, i migranti cercano di allontanarsi in ogni modo prima del termine del periodo di quarantena obbligatorio».

Lampedusa fatica a reggere la pressione di queste settimane. L’hotspot è oltre ogni limite di capienza: avrebbe un centinaio di posti, ma nei giorni scorsi si è arrivati a oltre mille presenze. La notte scorsa mentre trecento ospiti venivano trasferiti a Porto Empedocle – da cui poi c’è stata una fuga di massa – attraverso le motovedette della Finanza e della Guardia Costiera, sull’isola ne arrivavano altri 150. Alle sei del mattino di ieri un barchino con 17 tunisini è entrato direttamente in porto e le persone sono sbarcate prima ancora che arrivassero le forze dell’ordine. Un altro barchino è stato ritrovato abbandonato e le persone che erano a bordo sono state poi avvistate incamminarsi sulla terraferma. Il sindaco chiede lo stato di emergenza. E a Lampedusa a molti abitanti torna alla mente il 2011, quando a seguito delle primavere arabe sull’isola arrivarono 28mila persone. Altri numeri. Ma su quelli di oggi c’è il timore che siano destinati ad aumentare ancora.



Fonte originale: Leggi ora la fonte