Legge elettorale: centrodestra chiede non votare testo base oggi

Il centrodestra chiede di non votare oggi alle 13 l’adozione del Germanicum come testo base della riforma elettorale, ma di proseguire la discussione generale. E’ quanto emerso nella seduta della mattina nella quale, negli intendimenti della maggioranza si sarebbero dovute esaurire le dichiarazioni di voto dei gruppi così da votare alle 13 l’adozione del testo base.

Nella seduta è intervenuto Felice D’Ettore (Fi) che ha affermato che il testo base non poteva essere votato perché non è allegato il facsimile della scheda elettorale, tesi contestata da uno dei relatori Emanuele Fiano: “Se la presidenza ha assegnato alla Commissione questo testo vuol dire che era procedibile”. Poi ci sono state una serie di botta e risposta tra i deputati del centrodestra con il presidente Giuseppe Brescia chiedendo che proseguisse la discussione generale, mentre Brescia ha spiegato che questa fase si è già conclusa e che si era alle dichiarazioni di voto.

“Deve essere chiaro – ha detto all’Ansa Igor Iezzi, capogruppo della Lega – che è intervenuto un solo deputato delle opposizioni, cioè D’Ettore, mentre per gli altri si può parlare di schermaglie con la presidenza, ma non di interventi veri e propri. Ora alle 13 spero che ci permettano di parlare. Comunque non si capisce l’urgenza di votare oggi il testo, che non va in Aula certo domani; può essere votato anche domani o giovedì, tanto non muore nessuno, se non Zingaretti, in senso metaforico”.
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte