Licenziata e senza disoccupazione, una 46enne si dà fuoco all’Inps

Choc a Torino. Una disoccupata di 46 anni si è data fuoco, procurandosi ustioni sul 70% del corpo. Il gesto è avvenuto davanti alla sede dell’Inps di corso Giulio Cesare. Per darsi fuoco la donna avrebbe utilizzato una bottiglietta di liquido infiammabile che aveva con sé. «Vorrei ringraziare l’uomo che oggi ha soccorso mia sorella». Così il fratello della donna che si è data fuoco negli ufficio dell’Inps di corso Giulio Cesare, a Torino. «In tanti si sono fatti prendere dal panico, ma lui no. Appena viste le fiamme, ha afferrato un estintore e lo ha attivato. Se mia sorella vivrà, possiamo dire grazie a lui. Penso sia un marocchino, un musulmano. Non ha avuto paura ed è intervenuto subito». Alla base del gesto la crisi economica.