Lo Strega ragazzi alle donne, Palazzesi e Hunt

Sono due donne le vincitrici della quinta edizione del ‘Premio Strega Ragazze e Ragazzi’ nella sua prima versione online per l’emergenza Coronavirus, con storie che vedono i piccoli e gli adolescenti a confronto con la durezza della vita e con le sue sorprese. Marta Palazzesi, per la categoria +6, con ‘Nebbia’ (Il Castoro) dove troviamo un ragazzino che a fine Ottocento vive immerso nel fango del Tamigi e l’americana Lynda Mullaly Hunt, per la categoria +11, con ‘Una per i Murphy’ (Uovonero) con una ragazzina in affido.

Grande appassionata di storia, Marta Palazzesi, non sapeva nulla dei mudlark, ragazzini che nell’epoca vittoriana vivevano lungo le rive del Tamigi e cercavano di sopravvivere grazie a quello che il fiume restituiva loro, prima di scrivere ‘Nebbia’ che ha avuto i voti di 17 scuole sulle 48 che hanno votato. Il protagonista del romanzo dagli echi dickensiani, Clay, che in un gioco di parole vuol dire argilla, è uno di loro. “Di solito quando scrivo parto sempre da qualcosa che mi emoziona e mi appassiona e la situazione dei bambini nella Londra vittoriana è qualcosa che mi ha sempre affascinata, in negativo chiaramente. Era da diverso tempo che sognavo una storia ambientata in quell’epoca che offrisse uno sguardo su questo tipo di realtà” racconta la Palazzesi nel giorno della consegna del premio. E racconta una curiosità: “oggi i mudlark sono degli amatori che si divertono a pescare lungo le rive del Tamigi e condividono anche in Internet quello che trovano”. L’altro protagonista del libro è un lupo tenuto in gabbia in cui Clay vede il suo desiderio di libertà. “Insieme metaforicamente si liberano” spiega la Palazzesi che vive a Milano.

Primo libro della pluripremiata Lynda Mullaly Hunt, ‘Una per i Murphy’, che ha vinto con 219 voti su 569 espressi, è la storia di Carley che viene da Las Vegas e quando la madre entra in coma, viene affidata ad un’altra famiglia, i Murphy, e scopre un altro mondo. “Ho vissuto un’esperienza simile a quella di Carley. Mio padre è morto, anche se io non ero particolarmente legata a lui. Ho vissuto con mia madre e poi mi sono trovata a restare con degli zii per vari mesi. Non era un’adozione però volevo parlare di una ragazza che combatte contro una situazione nella quale viene improvvisamente a trovarsi e spero che i ragazzi si siano immedesimati in Carley” ha spiegato in collegamento Skype la scrittrice alla quale “è piaciuta molto la resa grafica del libro” nell’edizione di Uovonero con la traduzione di Sante Bandirali, anche lui premiato come traduttore. La giuria è composta da oltre 2.000 ragazze e ragazzi fra i 6 e i 15 anni, provenienti da più di 140 scuole, gruppi di lettura, biblioteche e istituti scolastici in Italia e all’estero (Bruxelles, Madrid, Monaco, Parigi, Vienna e Zurigo). E, nonostante il lockdown docenti e studenti hanno continuato la propria attività di lettura e discussione dei testi.

“Non c’è stato – ha sottolineato in collegamento Skype il presidente della Fondazione Bellonci, Giovanni Solimine – nessun calo di partecipazione dei votanti con una forte presenza di lettura nelle 140 scuole. Siamo contenti se in questa occasione abbiamo potuto dare un piccolo contributo in modo diverso”. Anche la Palazzesi ringrazia e dice: “sapere che così tanti ragazzi, in un periodo difficile come quello degli ultimi mesi, abbiano avuto la possibilità di leggere i libri in gara lasciando le mura di casa almeno con l’immaginazione è la vittoria più grande”. Alla proclamazione della quinta edizione, condotta dai giornalisti Angelo Melone e Loredana Lipperini, ospitata sul sito di Repubblica secondo la programmazione prevista dalla Bologna Children’s Book Fair, in corso nella speciale edizione online, dal 4 al 7 maggio, hanno partecipato il direttore e il presidente del Centro per il Libro e la Lettura Angelo Piero Cappello e Romano Montroni, il presidente di Strega Alberti Giuseppe D’Avino, l’exhibition manager Bologna Children’s Book Fair Elena Pasoli ed Eugenio Tangerini, responsabile relazioni esterne di BPER Banca.


Fonte originale: Leggi ora la fonte