L’ultima sparata di Conte: “Un voucher da 500 euro alle donne manager”

Nel turbinio di promesse e voucher di cui il presidente del Consiglio e la maggioranza giallorossa si sono resi protagonisti in questi mesi, ecco l’ultima “novità”: un voucher che strizza l’occhio al gentil sesso. Con tanto di errore del premier stesso. Spieghiamo: nella conferenza stampa show di ieri sera che ha chiuso ufficialmente i lavoro degli Stati Generali a Villa Pamphilj, Giuseppe Conte ha annunciato l’intenzione di introdurre un buono da 500 euro per le donne manager, o che vogliono ambire a diventarlo. Ecco, poi però è arrivata la rettifica di Palazzo Chigi, resasi necessaria per l’astrattezza delle parole del premier stesso e per l’ironia con la quale l’idea era stata accolta sui social.

“Occorre una formazione anche dirigenziale diffusa. Non solo nel privato, ma anche nella pubblica amministrazione. Ci sono stati portati dei progetti ai quali non avevano pensato: uno che ci è piaciuto è un voucher che sembra piccolo ma significativo in quest’ultima direzione: un voucher da 500 euro per tre anni per le donne manager o per le donne che ambiscono a diventare manager”, le parole del sedicente avvocato del popolo, che annuncia così l’ennesimo bonus.

Quindi, proseguendo nel suo discorso, Conte ha aggiunto: “Guardate, non credo di sbagliarmi: delle prime 500 imprese in Italia, mi pare che solo il 6% sia in mano a vertici manageriali femminili. Quindi quando noi parliamo di empowerment femminile, vogliamo dare una svolta anche in questa direzione”. Ma non è tutto, visto che il premier sul macro tema della formazione ha sbandierato altri investimenti, senza spiegarne bene la portata e le coperture: “E poi dobbiamo investire molto di più nel diritto allo studio, sia in termini di borse di più borse di studio accessibili ai nostri giovani ragazzi, sia nelle residenze universitarie. Bisogna investire molto di più”.

Ovviamente la sparara del presidente del Consiglio non è passata inosservata e sui social, da Twitter a Facebook, la proposta è stata accolta con ironia da migliaia di utenti. In sintesi, il sentiment è più che negativo, visto che l’idea è stata accolta come una (nuova) presa in giro.

Come detto, è intervenuto allora Palazzo Chigi che ha precisato sul contenuto esternato da Conte, di fatto stravolgendolo in toto: si tratterebbe, infatti, di un voucher da 35mila euro destinato a 500 donne. Quello del premier sarebbe stato un lapsus, insomma. Nella realtà dei fatti, come corretto dalla nota di Palazzo Chigi, si tratterebbe di un “un progetto, proposto della Business School, di un voucher per pagare a 500 donne ogni anno un Mba Executive dal valore di 35.000 euro”.



Fonte originale: Leggi ora la fonte