Manovra: obbligo registro per colossi web,contributo ad Agcom

I fornitori di servizi di intermediazione online e i motori di ricerca online (da Amazon a Google) che offrono servizi in Italia, anche se non stabiliti, dovranno iscriversi al registro degli operatori di comunicazione (ROC) e dovranno versare all’Autorità per le comunicazioni un contributo pari all’1,5 per mille dei ricavi ottenuti nel nostro Paese per coprire i costi amministrativi di nuove funzioni in materia dell’Agcom.

E’ quanto stabilisce un emendamento alla manovra approvato in Commissione Bilancio che attribuisce all’Autorità il compito di garantire un’adeguata ed efficace applicazione del Regolamento UE 2019/1150 del Parlamento europeo e del Consiglio del 20 agosto 2019 che promuove equità e trasparenza per gli utenti commerciali di servizi di intermediazione online, anche mediante l’adozione di linee guida e la promozione di codici di condotta e la raccolta delle informazioni pertinenti.

In caso di violazione del Regolamento, saranno applicate le sanzioni già previste per la violazione delle norme sulle posizioni dominanti, parametrate, quanto all’importo, al fatturato del trasgressore.
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte