Migranti dirottano mercantile. Salvini: “In Italia non entrano”

Un cambio di rotta repentino, dopo che la motonave era arrivata fino a 6 miglia dall’ingresso del porto di Tripoli. “C’è in corso una ipotesi di dirottamento di un mercantile che stava arrivando in Libia e che invece sta dirigendo verso Malta o Lampedusa. Non siamo più ai soccorsi, è il primo atto di pirateria, di delinquenza in alto mare”, tuona il ministro dell’Interno Matteo Salvini. Che poi aggiunge: “Ci sono dei migranti che sarebbero stati soccorsi e che invece a 6 miglia da Tripoli dirottano la nave. Sappiano che le acque territoriali italiane le vedono con il cannocchiale, non sono naufraghi ma pirati”.

Secondo alcune indiscrezioni, i migranti erano stati soccorsi da un mercantile che li stava riportando in Libia. A un certo punto però, non si sa per quali ragioni, il comandante è stato costretto a invertire la rotta. Forse i migranti, una volta accortisi che stavano per essere riconsegnati ai libici, hanno fatto partire la rivolta e hanno minacciato il comandante e l’equipaggio.

Adesso la nave sta facendo rotta verso Malta, ma non è escluso che La Valletta possa far passare il mercantile verso Lampedusa. Il Giornale.it