Misano. Coppia fuori controllo al ristorante: lei si spoglia completamente e getta assorbente all’indirizzo degli agenti di polizia

Arrestati dalla polizia una coppia di cittadini sudamericani con l’accusa di rapina aggravata e resistenza, violenza. lesioni a pubblico ufficiale. Si tratta di una donna colombiana di trentanove anni, residente a Riccione e di un brasiliano di ventiquattro anni, residente a Misano Adriatico. Completamente ubriachi, i due si sono messi nei guai sabato notte dopo avere minacciato e aggredito il personale di un ristorante di viale Regina Margherita. Si sarebbero impossessati di tre coltelli sottratti dai tavoli del locale e quando è stato intimato loro di restituirli li hanno branditi come armi: il brasiliano ha minacciato sia i dipendenti sia il gestore del locale nel tentativo di riuscire a scappare. Per scappare inoltre ha spaccato una bottiglia di liquore sulla testa, ferendolo, ad un avventore. La ha continuato a dare in escandescenza anche all’arrivo della polizia. Per contenere l’aggressività dei due stranieri, con ogni probabilità alterati dall’abuso di alcol, gli agenti sono stati costretti a utilizzare lo spray al peperoncino. Ma non è bastato: la colombiana si è avventata contro i poliziotti tirando i capelli a uno di loro, sputando addosso all’altro per poi dare vita a quella che, più tardi, si rivelerà essere una messinscena: “Sono incinta, se mi fai perdere il bambino ti ammazzo, ammazzo anche quel bastardo di tuo figlio”. Mentre gli agenti erano impegnati a disarmare, contenere e bloccare il compagno intento a sua volta a colpire i poliziotti con calci e pugni, la donna si è spogliata completamente lanciando persino un assorbente interno all’indirizzo degli agenti. Per portare via la coppia è stato necessario chiamare rinforzi. Il magistrato di turno, pubblico ministero Luca Bertuzzi, ha disposto il carcere e, contestualmente alla richiesta di convalida del provvedimento, ha chiesto al giudice di applicare la misura del carcere nei confronti di entrambi.