Mondaino. Addio a Arnaldo Galanti, ha dedicato la sua vita all’arte

Ieri si è spento Arnaldo Galanti, un uomo a statuto speciale, quello riservato al sublime artistico. La sua atmosfera era così tutta affollata di opere d’arte con le quali egli amava far dialogare la sua vita. Sapeva di essere un privilegiato e tale si sentiva quando dipingeva nel suo laboratorio, profondendo vitalità alle idee e ai sogni che abitavano nella sua mente. Così, forse per compensare la grande fortuna che gli era toccata, sapeva fare del colore una cosa viva, Arnaldo ha trascorso gli ultimi dieci anni della sua vita a cercare di allietare quella degli altri. Si è infatti avvicinato alla musica e insieme ad alcuni amici ha costituito una band che con cadenza settimanale si è esibita per il pubblico delle case di riposo, dove le note risuonavano veramente nell’anima di chi ascoltava. Sapeva in cuor suo che c’è un miracolo nella sofferenza e che se c’è qualcuno che soffre non si può essere mai completamente felici. Ora la sua non è una vera e propria dipartita perché ovunque Arnaldo ha lasciato traccia di sé: nelle chiese, nei musei, nelle case dei privati, nel grande museo che è la sua casa. Egli dunque vivrà sempre nei cuori di chi lo amava e nelle opere che ci ha lasciato che sono vere e proprie sorgenti di gioia.
Il funerale si svolgerà oggi alle 15,30.
(forse quello che è un funerale tra gli uomini può essere una festa tra gli angeli).